Hasta la victoria siempre

Vorrei dire agli esuli cubani che, dalla Florida, festeggiano di non gioire troppo per la morte di Fidel Castro e di non augurarsi, eccessivamente, la caduta del governo castrista.

Se dovesse succedere loro, per Trump, diventerebbero soltanto dei latinos al pari dei messicani.

Non servirebbero più.

Non servirebbe più coccolarli, foraggiarli sbandierandoli come il simbolo oppresso da una feroce dittatura.

Non dimentichino che prima di Fidel a Cuba non regnava proprio una democrazia perfetta, non dimentichino che la dittatura di Fulgencio Batista agli americani andava benissimo, nulla avevano in contrario.

All’America, come a tutti gli stati imperialisti, le dittature piacciono purchè siano quelle che si sceglie.

Non ho visto, qualcuno mi corregga se sbaglio, accogliere come eroi, anzi, neppure accogliere esuli che scappavano dall’Argentina di Videla o che fuggivano dal Cile di Pinochet aiutato dagli americani a rovesciare un governo democraticamente eletto.

Anzi, c’erano ordini precisi di sbarrare anche le ambasciate, americane ed europee, affinchè cileni ed argentini non provassero neppure a metterci piede e “imbarazzare” nazioni amiche di dittatori.

All’ipocrisia americana e degli esuli cubani a Miami: hasta la victoria siempre!

Pubblicato in Varie ed eventuali | Contrassegnato , , , , , , , , , | 1 commento

Di treni, stragi ed altre storie

Tutti noi abbiamo bisogno di certezze.

Possiamo dire, con certezza, che la settimana che sta per finire aveva Saturno contro.

Si sono palesate altre certezze ed alcune conferme.

La conferma che oltre la facciata delle frecce rosse, bianche, argento e altri bei colori abbiamo una rete ferroviaria da terzo e quarto mondo dove l’errore umano che, meglio ricordarlo, è nel naturale ordine delle cose non viene annullato, disattivato da sistemi moderni di controllo.

La conferma che ai terroristi, tutti, concetti come fraternità, uguaglianza ma soprattutto libertà non piacciono; decisamente non piacciono.

La conferma , l’ennesima, che i terroristi non arrivano con i barconi, quei barconi raccontati così bene da Rosi in Fuocoammare; e che, se, arrivano lo fanno con un volo di prima classe.

La certezza della doppiezza ed inaffidabilità del paese Germania, che prima costringe l’europa tutta a mollare 3 miliardi di euro ad Erdogan, che ha instaurato in Turchia un governo che nega i diritti e reprime le libertà fondamentali,  per rafforzare il controllo sui migranti nelle operazioni Frontex e Europol per scaricarlo senza se e senza ma quando lo stesso Erdogan chiede asilo politico.

La certezza della vigliaccheria e dell’incoerenza dello stesso Erdogan che davanti al colpo di stato dei militari a testa alta e con sprezzo del pericolo scappa in cerca di asilo, come fece qualche tempo fa un re di nostra conoscenza che davanti ai tedeschi scappò ad Oporto, usando, per incitare i suoi sostenitori a farsi massacrare, un social network; proprio uno di quei social che ha tentato costantemente di vietare a turchi.

Vorrei invitarvi, come si fa nei giochi della Settimana Enigmistica, a trovare le differenza con un altro presidente democraticamente eletto che si fece ammazzare per non venire meno ai principi davvero democratici per difenderli fino all’ultimo.

Pubblicato in Politica, Varie ed eventuali | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

La maleducazione non ha colore, ma puzza sempre un po’

Oggi c’è stata la prima uscita ufficiale della nuova sindaca di Roma intervenendo all’Università Lateranense per il Giubileo delle donne e degli uomini delle pubbliche istituzioni.

Pare, si dice, si mormora che la Raggi sia stata totalmente snobbata da molti ministri del governo.

Cose tipo: la Boschi ti passa davanti e non ti fuma manco di striscio, manco te saluta; tanto per dire.

Tipo che la Madia replica il comportamento della Boschi al netto delle tasse.

Tipo che Alfano e la stessa Madia l’abbiano salutata dopo, in privato, per timidezza…forse.

Diversamente si sono comportati la ministra Lorenzin e il presidente della regione Zingaretti.

Ora, io non sono e non sono mai stata un’elettrice dei 5 stelle (a dire il vero non sono più nemmeno un’elettrice del PD) e quindi non posso essere considerata di parte, però credo che al di là delle idee, delle posizioni politiche esista una cosa che si chiama galateo istituzionale e ancora di più esista una cosa che si chiama educazione.

Ecco qui, oggi, ne è stata dimostrata poca.

Ma come dice sempre mia madre chi ha più giudizio lo usi.

Pubblicato in Politica | Contrassegnato , , , , , , | 1 commento

L’asma da social network

Io ho il profilo su facebook.

Ora si sa che sul social network più famoso del mondo se ne dicono di tutti i colori: è pericoloso, indiscreto, facilita il tradimento, dà dipendenza, tutti sanno i cazzi di tutti, ecc… ecc…

Ma che facesse venire anche l’asma mi è giunta davvero nuova.

Eppure, pare, si dice, si mormora che ad un ragazzo napoletano, qualche tempo fa, abbia fatto questo particolare effetto.

Incuriosita dalla cosa, anche perchè non capivo il meccanismo scantenante, o l’eziologia come direbbero i benscriventi, mi sono letta tutta l’articolo ed ho scoperto come i titoli siano fuorivianti.

Al ragazzotto in questione (appena diciottenne) l’asma gli è venuta quando ha scoperto che la sua ex fidanzata lo aveva cancellato dai contatti.

Ha cercato di riavere il contatto con la sua bella utilizzando pseudonimi (regolarmente accettati) ma ogni volta che visitava la pagina dell’innamorata buuummm! ripartivano le crisi asmatiche.

Ecco quella non è asma da facebook è crisi di panico, è attacco d’ansia.

Probabilmente gli sarebbe scattata anche se la sua bella non avesse risposto a telefonate o messaggi o, nel caso, lo avesse mandato personalmente a spendere.

Consiglierei al ragazzo non tanto di non utilizzare facebook quanto piuttosto di andare da uno psicologo e, per chiudere il cerchio, trovarsi un’altra ragazza.

Consiglierei soprattutto l’ultima cosa, consiglierei.

Pubblicato in Varie ed eventuali | Contrassegnato , , , , | 6 commenti

L’immoralità del non voto

Mentre domani si vota per le elezioni regionali in Emilia Romagna, qualunque sia la vostra intenzione di voto, vi invito a leggere quanto scritto da Mattia Macchiavelli, un ragazzo che mi onoro di conoscere.

Non andare a votare è immorale.
Lo dico senza ammantarmi di un qualche senso di superiorità e senza voler erigermi a giudice di tutto e tutti. Il mio, in realtà, è un pensiero decisamente personale, molto semplice e del tutto banale. Mi preme, però, condividere qui quanto penso, perché ho letto di molti che non si recheranno ai seggi e la cosa mi ferisce: non è un diniego intellettuale o un dissenso astratto, no, la mia è una ferita che sento come inferta, a me come uomo prima ancora che a me come cittadino. Difficile esprimere la propria umanità, difficile realizzare l’umano del nostro essere, difficile essere uomo o donna, quindi, al di la e al di fuori di un ordine sociale e statale, di qualsiasi natura esso sia. Difficile essere uomo ed essere donna fuori dallo Stato. E lo stato che noi abbiamo questo è: può piacere o non piacere, può avere meccanismi giusti o perversi, può essere madre o matrigna, ma in esso noi siamo e in esso noi dobbiamo operare. Non recarsi alle urne, non adempiere al proprio diritto-dovere, significa non solo rassegnarsi all’ignavia, ma anche e soprattutto distruggere lo Stato, distruggerlo di quella distruzione che non permette alcuna ricostruzione: spargere il sale sul terreno affinché nulla possa più germogliarvi. Questo non lo si deve permettere. Mai.
Esistono molteplici modi per manifestare il proprio dissenso, diverse pratiche per riuscire a dar voce all’amarezza e alla rassegnazione: scheda nulla, scheda bianca, voto disgiunto, farsi registrare e rifiutare di prendere la scheda (si può davvero?), etc… Tutto questo è legittimo, non solo, è anche giusto. Io stesso, probabilmente, disperderò il mio voto perché mi trovo a vivere queste elezioni regionali con un senso di desolazione infinita, come se mi avessero sottratto un bambino dall’utero, inconsapevolmente scippato di una scelta reale e possibile. Ma quando mi recherò al mio seggio, di corsa, mangiando al volo un panino perché dovrò tornare a fare lo scrutatore da un’altra parte, beh, in quel momento il mio cuore comincerà a battere come sempre: sarò emozionato, rileggerò la scheda venti volte ed esiterò prima di vergare con la matita una scelta a lungo ponderata. Votare mi emoziona, nonostante tutto, nonostante tutti. E dovrebbe emozionare sempre, chiunque, perché votare significa possedere una dignità, una vita, significa essere ascoltati, significa alzare la mano per dire “io voglio questo”: non è soltanto giocare il gioco della democrazia, votare significa realizzare la propria natura.
Viviamo in un tempo i cui la parola “politico” è un insulto: quante volte Paola Taverna ha ripetuto, con veemenza, con vera convinzione, “io non sono un politico! Io non sono un politico!”? La sincerità di quelle parole mi ha distrutto: l’equazione tra l’essere un politico ed essere sporchi, malvagi, contaminati; il rifiuto impaurito da parte di chi siede in parlamento di chiamarsi con il proprio nome; la violenta repulsa verso ciò che di più alto e nobile possa essere concepito in un ordinamento statale. Mi distrugge. E’ un gioco a cui non voglio giocare: la Politica per me è sacra, essa deve essere purgata, medicata e le si deve donare nuova verginità; per farlo, tuttavia, il primo e forse il più potente mezzo a nostra disposizione è il voto.
Tutti quanti dovrebbero andare a votare domenica, anche se le elezioni Regionali sono, nell’immaginario comune, le “meno sentite”: ma un’elezione non si deve sentire, un’elezione si deve vivere, si deve volere. In quelle cabine di cartone si consuma un segreto mistico e potente, si celebra un rito pagano a cui tutti e tutte dovremmo votarci come alte sacerdotesse d’un tempio remoto: custodendo, così, il mistero della cosa pubblica che altro non è che il nocciolo recondito della vita stessa.
Domenica andiamo a votare: “La nostra è un’epoca essenzialmente tragica, perciò ci rifiutiamo di prenderla tragicamente. Il cataclisma c’è stato, siamo tra le macerie, e cominciamo a costruire nuove piccole comunità, a nutrire nuove piccole speranze. È un lavoro piuttosto difficile perché ormai la via che porta al futuro non è spianata: gli ostacoli però li aggiriamo, o faticosamente li scavalchiamo. Dobbiamo vivere, non importa quanti cieli ci siano crollati addosso” (D.H. Lawrence).

Pubblicato in Politica | Contrassegnato , , , , , , , | 3 commenti

Il cavallino rampante

imagesT6LMMBCU

La Ferrari è nata italiana e morirà italiana.

La Ferrari pur non vince più i mondiali e incrementa le vendite.

Marchionne è il nuovo amministratore delegato di Ferrari.

Sembrano affermazioni tra loro slegate, ma tutto si tiene.

La Ferrari morirà mentre l’amministratore Marchionne farà crollare le vendite continuando a non vincere mondiali.

Quel che tocca Sergio muore.

 

 

Pubblicato in Varie ed eventuali | Contrassegnato , , , , , | 7 commenti

Una serata nei Boschi

Ieri sera ho accompagnato mio marito a vedere (fate attenzione al verbo usato) Maria Elena Boschi alla Festa Nazionale dell’Unità.

Ok. Vado ad ascoltare il ministro in un dibattito con Quagliariello.

La ministra arriva in ritardo e si fa attendere come una diva del cinema; peccato che sia un ministro della Repubblica e trovo l’atteggiamento, quanto meno, indisponente.

All’arrivo è seguita da un codazzo di fotografi e flash che, Angelina Jolie, spostati; mentre del povero Quaglia si sono perdute le tracce: non pervenuto.

È mancata la ola, ma la standing ovation c’è stata.

Alla fine del dibattito posso dire, con rammarico, di avere trovato il ministro banale, superficiale e di profilo piuttosto bassino, al cui confronto il tanto ignorato Quaglia è sembrato un raffinato e preparato politico.

Manifesto le mie perplessità al consorte che mi dice che la Boschi mica si ascolta. Per fortuna, mi viene da dire.

Insomma, avrei preferito si fosse fatta attendere come una diva del cinema.

Muto.

Posto il video dell’arrivo del ministro scusandomi, anticipatamente, per il mio terribile accento bolognese e per il tipico “soccia ragazzi” che mi è inconsciamente uscito.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica | Contrassegnato , , , , , , | 8 commenti