MAR PORTUGUÊS

Ó mar salgado, quanto do teu sal

São lágrimas de Portugal!

Por te cruzarmos, quantas mães choraram,

Quantos filhos em vão rezaram!

Quantas noivas ficaram por casar

Para que fosses nosso, ó mar!

Valeu a pena? Tudo vale a pena

Se a alma não é pequena.

Ó mar salgado, quanto do teu sal

São lágrimas de Portugal!

Por te cruzarmos, quantas mães choraram,

Quantos filhos em vão rezaram!

Quantas noivas ficaram por casar

Para que fosses nosso, ó mar!

Valeu a pena? Tudo vale a pena

Se a alma não é pequena.

Quem quere passar além do Bojador

Tem que passar além da dor.

Deus ao mar o perigo e o abismo deu,

Mas nele é que espelhou o céu.

(Fernando Pessoa)

Pubblicato in Femminile, Varie ed eventuali | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

A quella impunita di Greta Thunberg diciamo NO, facciamolo per i nostri figli!

Ho deciso di inaugurare una nuova rubrica che prende il meglio di un esilarante profilo twitter che spero, ardentemente, sia un fake.

Pubblicato in Comici, Storie di Maria - profilo twitter che sembra un fake, ma (forse) non lo è | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La parola giusta

Quando giocando a Scarabeo, il giorno di Natale, esce la parola del giorno.

Pubblicato in Comici | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Atè ao verão

Uno scialle, una chitarra portoghese, una voce e un’emozione.

Il Fado canta il sentimento, il nostalgico rimpianto d’amore, la mancanza, la partenza, gli incontri e gli abbandoni.

Si dice che il Fado è il Fado, che viene dall’intimo dell’animo portoghese; il fadista non è mai invitato… si invita da sé.

Dal 2011, il Fado è riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio intangibile dell’umanità.

Deixei na primavera o cheiro a cravo
rosa e quimera que me encravam na memória que inventei

E andei como quem espera p’lo fracasso
contra mazela em corpo de aço
nas ruelas do desdém

E a mim que importa
se é bem ou mal
se me falha a cor da chama a vida toda
é-me igual

Vim sem volta
queira eu ou não
que me calhe a vida insana e vá sem boda
até ao verão

Deixei na primavera o som do encanto
risa, promessa e sono santo
já não sei o que é dormir bem

E andei pelas favelas do que eu faço
ora tropeço em erros crassos
ora esqueço onde errei

E a mim que importa
se é bem ou mal
se me falha a cor da chama a vida toda
é-me igual

Vim sem volta
queira eu ou não
que me calhe a vida insana e vá sem boda
até ao verão

Deixei na primavera o som do encanto…

Pubblicato in Diario personale, Femminile | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Dolcenera

A tutta quella parte dell’Italia che sente l’acqua che sale e non scorre.

Amìala ch’â l’arìa amìa cum’â l’é
Amiala cum’â l’aria ch’â l’è lê ch’â l’è lê
Amiala cum’â l’aria amìa amia cum’â l’è
Amiala ch’â l’arìa amia ch’â l’è lê ch’â l’è lê

Nera che porta via che porta via la via
Nera che non si vedeva da una vita intera così dolcenera nera
Nera che picchia forte che butta giù le porte

Nu l’è l’aegua ch’à fá baggiá
Imbaggiâ imbaggiâ

Non è l’acqua che fa sbadigliare
(ma) chiudere porte e finestre chiudere porte e finestre

Nera di malasorte che ammazza e passa oltre
Nera come la sfortuna che si fa la tana dove non c’è luna luna
Nera di falde amare che passano le bare

Âtru da stramûâ
 nu n’á â nu n’á

Ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere
Ché è venuta per me
È arrivata da un’ora
E l’amore ha l’amore come solo argomento

E il tumulto del cielo ha sbagliato momento
Acqua che non si aspetta altro che benedetta
Acqua che porta male sale dalle scale sale senza sale sale
Acqua che spacca il monte che affonda terra e ponte

Nu l’è l’aaegua de ‘na rammâ
‘n calabà ‘n calabà

Non è l’acqua di un colpo di pioggia
(ma) un gran casino un gran casino

Ma la moglie di Anselmo sta sognando del mare
Quando ingorga gli anfratti si ritira e risale
E il lenzuolo si gonfia sul cavo dell’onda
E la lotta si fa scivolosa e profonda

Amiala cum’â l’aria amìa cum’â l’è cum’â l’è
Amiala cum’â l’aria amia ch’â l’è lê ch’â l’è lê

Guardala come arriva guarda com’è com’è
Guardala come arriva guarda che è lei che è lei

Acqua di spilli fitti dal cielo e dai soffitti
Acqua per fotografie per cercare I complici da maledire
Acqua che stringe I fianchi tonnara di passanti

Âtru da camallâ
 nu n’à â nu n’à Altro da mettersi in spalla
Non ne ha non ne ha

Oltre il muro dei vetri si risveglia la vita
Che si prende per mano
A battaglia finita
Come fa questo amore che dall’ansia di perdersi

Ha avuto in un giorno la certezza di aversi
Acqua che ha fatto sera che adesso si ritira
Bassa sfila tra la gente come un innocente che non c’entra niente
Fredda come un dolore Dolcenera senza cuore

Atru de rebellâ
 nu n’à â nu n’à Altro da trascinare
Non ne ha non ne ha

E la moglie di Anselmo sente l’acqua che scende
Dai vestiti incollati da ogni gelo di pelle
Nel suo tram scollegato da ogni distanza
Nel bel mezzo del tempo che adesso le avanza

Così fu quell’amore dal mancato finale
Così splendido e vero da potervi ingannare

Amìala ch’â l’arìa amìa cum’â l’é
Amiala cum’â l’aria ch’â l’è lê ch’â l’è lê
Amiala cum’â l’aria amìa amia cum’â l’è
Amiala ch’â l’arìa amia ch’â l’è lê ch’â l’è lê

Guardala che arriva guarda com’è com’è
Guardala come arriva guarda che è lei che è lei
Guardala come arriva guarda guarda com’è

Pubblicato in Varie ed eventuali | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Cucina, canzoni

Se mi guardassi dall’esterno mi considererei una pazza scatenata.

La sera, in cucina mentre tagliuzzo sminuzzo  intruglio mescolo assaggio, con le cuffie, canto a squarciagola.

Stonata come sempre e, come sempre, appassionata.

Quando faccio così cucino da dio.

Pubblicato in Diario personale | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Radical chic

Quando sento la gente che, isterica, grida “prima gli italiani” penso a queste parole:

“Non sono stati Hitler o Himmler a deportarmi, picchiarmi, ad uccidere i miei familiari; furono il lattaio, il vicino di casa, il calzolaio, il dottore, a cui fu data una un’uniforme e credettero di essere la razza superiore”.

(Karel Stojka, sopravvissuto ad Auschwitz)

Pubblicato in Politica | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento