Avevo rifatto il letto

Avevo rifatto il letto, lo avevo fatto dopo il bucato con l’ammorbidente profumato, quello che ti piaceva perché sapeva di fresco e di pulito. Ero davvero convinta che saresti tornata, magari un po’ acciaccata ma ancora con me, con noi. Ma non sei più tornata. E adesso, ancora oggi, io guardo quel letto e aspetto. E’ rimasto il frigorifero acceso, il tuo bicchiere sul secchiaio, … Continua a leggere Avevo rifatto il letto

E’ giugno o settembre?

In questa mattina di giugno, che assomiglia ad un settembre triste e malinconico, ho la tentazione del ripensamento. Ho l’inquietante sensazione di avere sbagliato tutto. L’educazione di mia figlia, vetro soffiato e foglia sbattuta. La scelta dell’uomo sposato, annerito aceto non più balsamico. Il lavoro, prosciugante dragatore. I contatti con mia madre, coperta corta che non ho mai scaldato. La funzione di amante, sterile ventre … Continua a leggere E’ giugno o settembre?