Recensione su un uomo

Non ti ascolto più come un tempo, un tempo in cui passavo minuti interi a farlo, o sbriciolavo i giorni tra le tue parole. Ieri sera, mentre ti guardavo, ho ricominciato a farlo. Le tue rughe sono sempre più marcate, il fisico sempre più magro, le labbra sempre più strette, gli occhi sempre più liquorosi; invecchi in fretta, più in fretta di quanto mi sia … Continua a leggere Recensione su un uomo

Le lettere d’amore sono ridicole

Fernando Pessoa, una sola moltitudine. Perchè una sola moltitudine? perchè lui era dieci persone tutte arruffate, incastrate, appiccicate in un solo essere. Piccolino, mingherlino, meschino che non gli davi una lira a vederlo. S’alzava la  mattina presto, andava a lavorare… un travet; uno che faceva un mestiere da niente, uno scrivano, uno che era un impiegatuccio di tutti i giorni, una specie di personaggio che … Continua a leggere Le lettere d’amore sono ridicole