Bastano 34 anni?


Chissà se saranno sufficienti 34 anni per sapere ufficialmente (perché ufficiosamente lo sappiamo) cosa accadde ad Ustica la sera del 27 giugno del 1980.
Anche quest’anno, soprattutto quest’anno, non voglio dimenticare perciò vi propongo l’articolo di Clamm Magazine:

http://clammmag.wordpress.com/2014/06/27/ustica-34-anni/questo articolo di Clamm Magazine

Fossi in voi lo leggerei, per più di una ragione.

Datemi retta e fidatevi.

MUSEO PER LA MEMORIA DI USTICA

Via di Saliceto 3/22
40128 Bologna
Tel.: +39 (0)51 37 76 80
Mail: info@museomemoriaustica.it
www.museomemoriaustica.it

ORARI DI APERTURA
Venerdì, sabato e domenica h 10.00 – 18.00
Ingresso gratuito

ASSOCIAZIONE PARENTI DELLE VITTIME DELLA STRAGE DI USTICA

www.comune.bologna.it/iperbole/ustica

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Bastano 34 anni?

  1. robi cipra ha detto:

    Cara Silvana, questo tuo post mi riporta allo stordimento che avevo provato per la notizia dell’assurda tragedia avvenuta su una rotta troppo vicina alle abitudini di tanti italiani.
    Ci hanno nascosto di tutto, creando un giallo lungo 34 anni e difficile da immaginare anche per il più esperto degli scrittori.
    Leggendo i nomi delle vittime, l’elenco sembra infinito, come il dolore di tutti coloro che hanno perso gli affetti più cari e non ne conoscono ancora il vero motivo.

    Ti auguro una buona nuova settimana. robi

    • silvanascricci ha detto:

      Carissimo Robi, Ustica è un caso che mi ha sempre interessato, affascinato ed angosciato.
      Angosciante, come le stragi di stato, quando il tuo paese anziché difenderti ti uccide.
      Un abbraccio e buonissima settimana anche a te.
      Besos

  2. Minu ha detto:

    Consiglio vivamente di visitare il museo per la memoria di Ustica di Bologna.
    Non è semplicemente un memoriale di una strage ma la dimostrazione di volontà di una comunità che non ha accettato di veder cancellata la propria storia dalle tracce radar e dai processi.
    Se è vero che la vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla, vale la pena di andare a sentire la storia che il DC9 dell’Itavia vuole raccontarci: diventerà parte di noi.

    ps
    Data la brutalità dell’evento che viene ricordato sembra inappropriato parlare di “bello” ma è davvero difficile usare un termine diverso per l’installazione di Christian Boltanski che è crudele e magnifica allos tesso tempo. Come le testimoni del dolore del cimitero di Staglieno, come la Pietà di Michelangelo quest’opera racconta un dolore e uno sconcerto che va oltre l’evento che rappresenta.

    • silvanascricci ha detto:

      Non posso che essere d’accordo con quanto hai detto.
      D’accordo su tutto, sul concetto di bello dell’orrore della morte e dell’assassinio, eppure il museo è commovente e bellissimo.
      Grazie, davvero grazie Minh di questa testimonianza.
      Un abbraccio forte, un bacio
      Silvana

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...