Tra il bondage e il buondì preferisco il secondo


Visto che il successo delle varie sfumature continua, imperterrito, è necessario dare anche delucidazione per quelli che presi dalla foga si accingono a seguirne le orme.

Il mondo del sesso estremo che ha tanto sollazzato le signore, quest’estate sotto l’ombrellone, grida vendetta: “Non è tutto acciaio inossidabile quello che brilla”.

Avere relazioni sadomaso non è affatto semplice come sembra: le chiavi si inceppano nelle manette, la cravatta blocca la circolazione, le palline risultano introvabili navicelle allo sbaraglio nell’universo pelvico.

E il dominatore inguaiato in una tuta di lattice nero con i guantini alla Michael Jackson, quando dalla promessa di eros sfrenato passa ai fatti in fondo è…orrendamente sudato.

E’ complesso gestire incontri bollenti fra lattice e metallo senza trovarsi nel ridicolo!

Siccome non ne so poi tanto (però mi fa ridere come una matta) ho chiesto un po’ in giro* come fare e ne son venute fuori queste dritte:

Prontuario del sadomasochista esperto

Strumenti

Frusta, fustigatore, accendino con fiamma regolabile, occhiali da saldatore; corda da arrampicata; coltellino svizzero; limetta per unghie; scalda-ceretta; forcone per lo spiedo; fionda e ghiande; filo spinato; pistola ad acqua per olio bollente; guinzaglio a strozzo e collare con targhetta; set coltelli da cucina; sega; detergente antiruggine; falce e martello.

Pronto soccorso

Foille e arnica per scottature derivanti da cera bollente e marchi a fuoco; Aloe vera per lenire le escoriazioni da frusta; Amuchina e disinfettante per igenizzare le suole da leccare; cerotti ed acqua ossigenata per piccoli tagli; estintore; cerotti e garze; collare ortopedico per traumi cervicali da bondage; Imodium per evitare turbolenze intestinali traditrici.

Sicurezza

Casco; doppione delle chiavi del lucchetto di manette catene e quant’altro; guanti da neve; guanti di lattice;mascherine antigas; conchiglia da ballerino classico; potente calamita per il recupero delle palline; estintore; occhiali con baffi per eventuali fughe improvvise.

Abiti di scena

Trucco carnascialesco; divisa scolastica; divisa da cameriere/a; maschera veneziana; vestito da infermiera; vestito da suora; vestito da vampiro; unghie finte; ciglia finte; copricapezzolo a forma di croce rovesciata; reggiseno bucato; mutande bucate; mascherina per sonno da aereo; latte detergente e dischetti struccanti.

Cose che possono sempre tornare utili

Cd dei Motorhead; macchina effetto nebbia; olio Johonson ipoallergenico; deodorante analcolico; calze a rete di ricambio; portachiavi con laser, borotalco e crema Penaten; zollette di zucchero; bastone e carota; binocolo e tuta mimetica; testa d’aglio; forbici da bricolage; fialetta puzzolente; bretelle; battipanni.

Consigli utili

  • Tenete sempre a mente che il numero del pronto soccorso è il 118 e quello dei pompieri è il 115;
  • Quando mandate un sms o una e-mail dal contenuto scabroso assicuratevi sette o otto volte che il destinatario sia giusto e che non sia un vostro parente, collega o amico nel mondo normale;
  • Idem quando twittate o postate qualsiasi cosa su facebook,
  • Se i vostri incontri sadomaso sono un segreto ricordate di portare con voi l’occorrente per struccarvi;
  • Quando prendete un appuntamento al buio con un partner sessuale fatelo in un luogo che non sia isolato o geologicamente pericolante;
  • Assicuratevi che l’olio che utilizzate per i giochi erotici non sia di semi ma d’oliva (meglio se extravergine);
  • Quando legate il vostro partner con corda, catene e manette assicuratevi di non fermagli la circolazione;
  • Ogni tanto controllate il battito cardiaco del vostro partner;
  • Ogni tanto assicuratevi di non stare soffocando;
  • Se il partner va a fuoco e non riuscite a spegnere chiamate i pompieri;
  • Se non riuscite a riaprire il lucchetto col quale avete incatenato il partner, provate con un detergente antiruggine, in caso di fallimento procedete con la sega, ma attenzione a non amputare gli arti;
  • Durante i giochi erotici pirotecnici indossate il casco e gli occhiali da saldatore;
  • Quando sospendete il partner al soffitto, assicuratevi che non tocchi cavi elettrici nudi;
  • Arredate la stanza delle torture con un esperto di medievalistica e un catalogo Ikea;
  • Dopo aver consumato con il vostro partner, se vi accendete una sigaretta ricordate di controllare di non essere cosparsi di benzina o altro materiale infiammabile;
  • Prima di eseguire una performance fetish con la scarpa della fidanzata, igenizzate la calzatura con l’apposito prodotto;
  • Prima di ogni incontro sadomaso mangiate leggero, mai legumi nè carne rossa, poco vino;
  • Dopo l’atto sessuale indossate una maglietta della salute per coprirvi i reni.

Un altro suggerimento mi sento di darlo anche per consolare quei due o tre che sono rimasti alle pratiche consuete e si sentono, magari, (ma non è proprio il caso) vecchi e desueti.

Nel mondo c’è già abbastanza sofferenza e dolore, violenza e soppraffazione, umiliazione e dominazione, tortura e disprezzo perchè sia necessario aggiungerne altro in camera da letto.

Il sesso è scambio e condivisione, il sesso è sapore, ogni persona ne ha uno diverso, persino la stessa persona ha un sapore diverso nei diversi momenti della giornata e nei diversi giorni della vita mentre il pvc ha sempre quello tutto il giorno tutti i giorni per tutti.

Il sesso è fatto di suoni, ma quello delle catene e del metallo è sinistro e, anche in questo caso, sempre uguale.

Il sesso è sensazione tattile, ma il latex asfalta come una colata di cemento e tutte le pelli diventano uguali senza nessun segno che le caratterizzi come le autostrade che rendono identici tutti i posti del mondo.

Il sesso è vista e il bondage è una visione che oltre la taglia 38 non consiglio a nessuno.

Il sesso è odore, profumo di pelle, ma la plastica ha quell’odore leggermente nauseante che hanno le macchine nuove e il metallo ha sempre quell’odore di sottofondo di ruggine che dà la stessa nausea della plastica che, a me, per surplus, ricorda anche l’odore dei guanti in sala operatoria (questo, però, capisco che sia deformazione professionale).

Insomma il sesso è fatto di pelle, umori, sapori, odori e sensazioni sempre diverse e mutevoli; il sesso è gioia e divertimento, il sesso è piacere e risata, il sesso è solare e non cupa atmosfera, il sesso è liberazione dei corpi e non costrizione in legami e materie plastiche.

Il sesso è nudità vera verso se stessi e verso l’altro.

Il sesso è così naturale da essere rivoluzionario, per questo, forse, è necessario legarlo, imbavagliarlo e costringerlo in qualche modo, perchè, diciamoci la verità, l’unica vera, insostenibile, inaccettabile perversione,oggi, è proprio la normalità.

*Sticazzi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comici e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Tra il bondage e il buondì preferisco il secondo

  1. Valentina ha detto:

    Ahahahaha articolo carinissimo!
    Io ho letto 50 sfumature di grigio e ora sto leggendo il secondo. Non è una lettura di piacere, ma volevo saperne parlare. Non c’è bisogno di dire che fa schifo proprio, senza mezzi termini. Probabilmente l’essere umano è pervertito fino al midollo per apprezzare questo tipo di letteratura!
    Ma poi cosa c’è di bello nel legarsi, picchiarsi e farsi male? Non lo capirò mai.

    • silvanascricci ha detto:

      Ci ho provato, ma ho smesso dopo poco per tre ragioni:
      1) il libro è bruttissimo e scritto ancora meno bene
      2) ho cominciato a ridere come una scema (forse sarebbe stato l’unico motivo per continuare)
      3) ho poco tempo e lo dedico ai tanti meravigliosi libri che esistono e non ho ancora letto.

      Grazie e ciao

      • Valentina ha detto:

        Hai fatto bene, io ho iniziato a leggerlo perchè una mia amica mi ha fatto pressioni e poi è nato come un gioco con il mio migliore amico, abbiamo deciso di leggerlo in contemporanea e farci due risate. Solitamente leggo cose che non hanno niente a che fare con questo.

      • silvanascricci ha detto:

        Leggere cose che hanno a che fare con questo va anche bene, basta che, come tutti i libri in verità, siano scritti bene.
        Silvana

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...