La vera vita di Barbie


Non sono abbastanza giovane ed abbastanza americana per avere avuto, nell’infanzia, una Barbie.

A dire la verità ho sempre avuto pure poche bambole (una per l’esattezza) che era tutta l’opposto della filiforme, modaiola e plastificata bambola/donna.

Quando sono diventata mamma qualche Barbie in casa ha transitato (poca roba, che pure mia figlia non ha ha mai avuto gran feeling con le bambole), devo però ammettere che mi hanno sempre un po’ inquietato ed infastidito.

A parte la filosofia e la sociologia epresse attraverso queste bambole (essere perfette, in pratica) mi sono sempre chiesta che razza di vita sentimentale e sessuale potesse avere una tipa del genere che sta con un fidanzato come Ken.

Diciamoci la verità, tutte, ma proprio tutte, abbiamo sempre pensato che Ken fosse omosessuale, quanto meno latente, e che avesse molti, molti problemi a relazionarsi con Barbie, che si capisce pure, in questa ottica,  perchè si dedichi 18 ore al giorno allo shopping ed al pettegolezzo (anche se io suggerirei a tutte le Barbie consigli più drastici e divertenti).

Quando mi sono imbattuta nelle immagini della fotografa canadese Dina Goldstein, nel progetto “In the doll house” ho trovato perfettamente riprodotta l’immagine che ci siamo fatte, in tutti questi anni, della vita privata di Barbie e Ken.

Pure con la fine di Barbie, quella che avremmo voluto facesse e quella che nella realtà delle stanzette infantili hanno fatto tutte le Barbie. (

Qui le altre foto della mostra:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Femminile e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a La vera vita di Barbie

  1. Ahahaha quella di Barbie seduta sul water è troppo divertente 😀

  2. Ah, già. In difesa di Barbie volevo dire che però non fa solo pettegolezzi e shopping. Ha fatto la maestra, la dottoressa, l’astronauta, la veterinaria, la cantante, e addirittura la presidentessa degli Stati Uniti. A suo modo, è una pioniera 😀

  3. alvi ha detto:

    bellissime. quella che si è tagliata i capelli potrebbe essere la clip di walk on the wild side e, secondo me, dà un senso atutte le barbi del mondo

  4. rasoiata ha detto:

    Io da bambino giocavo con i soldatini, ma le mie cugine si intrufolavano con le loro barbie, al che mi ero fatto l’idea che da grande le donne sarebbero state fisicamente come le barbie, e gli uomini come ken.

    poi, dopo anni, vidi “Frankestein junior”, e la presa visione delle fattezze di Martin Feldman, mi fecero ricredere.

    Ciao
    Zac

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...