Io, che vivevo a Crevalcore colpito al cuore dal terremoto


Voglio riportare questo bellissimo racconto/resoconto di Andrea Segrè, preside della facoltà di Agraria dell’Università di Bologna, perchè si possa vedere la natura in modo diverso e, diversamente, interpretare l’economia e la crescita continua.

Io, che vivevo a Crevalcore colpito al cuore dal terremoto

Vivo a Crevalcore. O forse sarebbe meglio dire, vivevo a Crevalcore. Fin che non ci sei dentro, proprio dentro, il terremoto è qualcosa di astratto. Un altrove, vicino o lontano che sia non cambia: è fuori da te. Ma quando ti fa vibrare anche le corde dell’anima, allora la prospettiva cambia e improvvisamente ti pervade. E anche parole come evacuato, sfollato, terremotato – una volta distratti titoli di giornale – assumono un peso diverso. Ti appesantisci, appunto. Come a riempire quel vuoto momentaneo (?) della terra. Questa terra che ti violenta, e che tu hai violentato, noncurante. Tutto questo cemento: colate infinite, spesso inutili. O meglio utili speculazioni, per qualcuno. Cubature impermeabili, che tutto fanno scorrere: l’acqua e il danaro. E che poi, a un certo punto, ti cadono addosso. Sporcandoti, se va bene. Seppellendoti, se invece va male. Quando lavori, per giunta. Solo perché manca un giunto: incredibile perdere la vita così. Incredibile perdere la vita, quando molto si potrebbe fare per prevenire. Non si fa perché, a monte, abbiamo perso il rapporto con la Natura, invertendolo. Le nostre Eco – l’ecologia e l’economia – si sono scambiate di posto. Abbiamo pensato che la buona gestione della casa piccola, letteralmente l’economia, potesse contenere la casa grande: l’ecologia. Non riconosciamo i limiti ecologici della terra, figurarsi se accettiamo il suo essere naturale e viva. Cambiamo – adesso – le posizioni e le proporzioni. Non sapremo prevedere i terremoti, ma saremo più pronti.
Non può essere questo il lato positivo della catastrofe che ha sconvolto le nostre vite e i nostri lavori? Contabilizziamo pure i danni alle persone, alle abitazioni, all’agricoltura, industria e servizi: ma non potremmo anche pensare a una vera occasione di cambiamento? Uscire da quella crisi continua che ci impedisce di capire e agire per cambiare qualcosa di un modello, sistema, paradigma – insomma il nostro essere cittadini di un mondo in crisi?
Eppure, queste corde dell’anima che vibrano tutte all’unisono ci trasmettono qualcosa. Quegli sguardi attoniti e interrogativi nella piazza buia dopo la prima scossa. Gli occhi dei vicini che scopri per la prima volta profondi e che si domandano insieme a te: ma cos’era? Quel parlarsi di continuo della continuità del tremare scaricando angoscia e tensione. Quella zona rossa che dopo la seconda scossa perimetri assieme ai nuovi compagni valutando insolite pendenze e fresche aperture, foriere di possibili abbattimenti. Quella gioia di entrare nella tua casa e prendere qualche oggetto sotto gli occhi, vigili per definizione, dei pompieri. Capaci non solo di darti l’elmetto ma anche di spingere il tuo carrello, non più ricolmo di generi alimentari, ma delle tue cose prese a caso in attesa di un improbabile rientro. Quel tuo essere evacuato al mare – un perfetto bilanciamento – dove ti dicono: ma lei è nostro ospite. Assieme a tanti ignari turisti tedeschi, ignari di un altrove che è sempre lontano. Quell’offerta di case, aiuti e assistenza da amici e anche sconosciuti. Quei container calati sulle stalle degli allevatori che devono mungere due volte al giorno. Quegli imprenditori che non si lasciano abbattere ma continuano a pensare al futuro. Quel riempire i conti correnti spuntati come funghi pensando che gli aiuti non scaricano più una coscienza distratta, ma presente, necessaria. Piena di volontà di ripartire, ricostruire, rifondare una società malata e stanca. Opulenta ma povera. Eppure ricca nel momento del bisogno. Una povertà che si fa ricchezza, anima delle persone.
Questo è il terremoto dell’Emilia visto dal di dentro. Nella bassa che si è abbassata. Sputando sabbia e melma. Ma dove rispunta quel gene antico e robusto della cooperazione e della solidarietà. Per troppo tempo silente, come fosse distratto da altro. Ora bruscamente risvegliato nelle corde della sua anima più profonda e più autentica.
E quella frase antica che ti ricorda il liceo in una terra di altri terremoti, il Friuli: “gli alberi non crescono fino in cielo”. Come dire: basta con questo modello legato alla crescita infinita. Cui va aggiunto un detto della nuova sapienza emiliana, sempre più convinta: “e le mucche non mangiano cemento”. Uno stimolo per l’Italia intera.

Andrea Segrè

Mi piace ·
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie ed eventuali e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Io, che vivevo a Crevalcore colpito al cuore dal terremoto

  1. Barabba Marlin ha detto:

    Segrè mi pare di averlo sentito a Radio2 intervistato dopo la seconda grande scossa, ad avercene…

  2. severa ha detto:

    Ma smettetela. Non sapete che il Prof è un donnaiolo scandaloso. Che usa fama e tempo dell’Unibo per le sue nefandezze? Sapete che ha una figlia illegittima riconosciuta solo dopo 4 anni?
    Scegliete meglio i vostri guru, Segrè è solo un rampollo di famiglia borghese, paraculato e ignorante!!!

    • silvanascricci ha detto:

      il mio naturale ed innato scetticismo fa sì che io non abbia bisogno di guru.
      Quel che fa Segrè, se lo fa, nella vita privata sono solo fatti suoi ed a me non tange; la fama che, eventualmente, utilizza non è dell’unibo bensì la sua, meritata o meno come crede lei.
      D’altronde io ho riportato questo pezzo perchè lo ritengo significativo su due cose:
      1) la visione del terremoto “da dentro” che, le assicuro, è diversissima “dal fuori” per quanto alta possa essere la partecipazione e la com-passione.
      2) la visione diversa del mondo, della natura e dell’economia servirebbe a tutti noi, a prescindere dal fatto che a dirlo sia Segrè, un donnaiolo o il panettiere sotto casa.
      Poi se permette le do uno spassionato consiglio: il giudizio tranchant non aiuta la vita di nessuno, ognuno di noi ha pregi e difetti provi a modificare il suo nickname e forse avrà una prospettiva del mondo leggermente diversa.

  3. Angela ha detto:

    Neppure a me interessa che diavolo fa Segrè nel privato, ma serve che qualcuno noto cominci a dirle queste cose!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...