Se chiudono i pub irlandesi il mondo perde le sue certezze


“Addio, addio e un bicchiere levato al cielo d’Irlanda e alle nuvole gonfie.
Un nodo alla gola ed un ultimo sguardo alla vecchia Anna Liffey e alle strade del porto.
Un sorso di birra per le verdi brughiere e un altro ai mocciosi coperti di fango,
e un brindisi anche agli gnomi a alle fate, ai folletti che corrono sulle tue strade.

Hai i fianchi robusti di una vecchia signora e i modi un po’ rudi della gente di mare,
ti trascini tra fango, sudore e risate e la puzza di alcool nelle notti d’estate.
Un vecchio compagno ti segue paziente, il mare si sdraia fedele ai tuoi piedi,
ti culla leggero nelle sere d’inverno, ti riporta le voci degli amanti di ieri”.

Così i Modena City Ramblers descrivono l’Irlanda e vi posso assicurare, per esperienza diretta, che la Guinnes, l’Irish coffee ed il whisky sono, davvero, cose che caratterizzano l’isola verde.

Nelle sere d’estate, per le vie di Dublino, ti ubriachi solo a passeggiare, che dai pub escono fumi di alcol da inebriare anche il più avvezzo dei beoni.

Quindi la notizia che ho ascoltato ieri sera alla radio è una svolta epocale, un vero, radicale, intangibile segno della crisi che coinvolge l’europa intera: in Irlanda sta chiudendo un pub su due.

Ragionandoci, un attimo, ho realizzato che, anche con questa media, il mitico pub irlandese non scomparirà mai; mai, perchè la conformazione di moltissimi paesi e villaggi è questa: 30 case, 1 chiesa, 1 negozio, 1 ufficio postale e 15 pub!

Altra notizia un filino particolare è quella che vede la proposta elettorale di François Hollande, sfidante di Sarkozy, nelle presidenziali francesi: tassazione al 75% per i redditi e le rendite milionarie.

Se lo imparano i tedeschi, che devono fare sempre i primi della classe, mettono una tassazione all’80%; a quel punto i milionari tedeschi scapperanno tutti in Francia, gli sembrerà un paradiso fiscale.

“Is è mo laoch, mo ghile mear
Is è mo Shaesar
ghile mear
Ni fhuras fein aon tsuan as sean
o chuaigh i gcein mo ghile mear”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie ed eventuali e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Se chiudono i pub irlandesi il mondo perde le sue certezze

  1. Pattinando ha detto:

    Chiudodo i pub, la gente continuerà a bere in casa propria 🙂

  2. Barabba Marlin ha detto:

    Se François Hollande ha fatto questa dichiarazione è perché sa di non avere speranze di vincere

  3. cristian ha detto:

    chi ha provocato questa crisi?? questa domanda non la sento mai fare a nessuno , sembra una cosa piovuta dal cielo tipo asteroide. le banche , i petrolieri, le nazioni guerrafondaie , quindi il Dio business. è normale poi che economie che vivono quasi esclusivamente di turismo tipo grecia vadano in crisi . quello che mi fa vomitare è come si fa a guadagnare uno stipendio da precaRIO DI 1000 EURO i piu bassi d’europa a fronte dei 16 mila guadagnati dai nostri magnaccia di politici. in un altro paese saremmo andati a montecitorio tipo no tav e vedevi te sti gran maiali . un poliziotto che rischia la vita e lavora per lo stato quanto dovrebbe guadagnare??’ vergogna !!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...