A spizzichi e neutrini


Povera stella la Maria.

Oltre che poco “furba” di suo la Mary Star è anche circondata da gente altrettanto pirlona e pure, un po’, dalla sfiga.

Ma che volete che ne sappia la Mary di neutrini, velocità della luce, teorie relative e tutto l’ambaradan della fisica classica e di quella quantistica…

Ma che volete che sappia di tunnel, scavatrici, kilometraggi ed altre amenità di ingegneria delle costruzioni…

Lei che sì e no, sa come si arriva da Brescia a Reggio Calabria per prendere un’abilitazione.

Ragazzi un poco di pietà!

Però il suo ufficio stampa, prima di sparare la prima cazzata che passa per la testa, questa sì ad una velocità superiore a quella dei neutrini, della luce e di qualunque altra particella possa venire in mente (vuoi vedere che nello scrivere questa frase ho fatto una scoperta scientifica pure io?) poteva informarsi; se non ne aveva voglia poteva restare sul vago, sull’indeterminato e generico, come un bel vestitino nero da cocktail, che non si sbaglia mai?

Poteva sempre dichiarare la felicità, e l’italico orgoglio per questa scoperta fatta da ricercatori italiani, senza specificare ed entrare nel merito; hanno voluto strafare senza informarsi, senza metterci uno straccio di impegno.

Una curiosità.

Da dove hanno tirato fuori la cifra di 45 milioni di euro, perchè siccome il tunnel da 700 km tra Ginevra ed il Gran Sasso non c’è, in quale tunnel li hanno infilati tutti quei milioni?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comici, Politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a A spizzichi e neutrini

  1. Malù ha detto:

    C’è da ridere per non piangere… Ma quale futuro potrà mai avere questa povera Italia con ministri che dicono cavolate del genere?

    Maria Luisa

    • silvanascricci ha detto:

      Infatti, se una cosa non la sai (e può pure essere legittimo che uno non si intenda di fisica) non sbilanciarti, fai i complimenti e stop.
      Ed anche in complimenti sarebbero già troppo visto i tagli alla ricerca.

  2. Bibi ha detto:

    I 45 milioni sono il budget per l’impianto di “neuroni” nella poltiglia che si trova nella scatola cranica della Gelmini. In questo modo si spera di ridarle una parvenza umana, hanno contattato uno specialista del settore il professor Frederick Frankenstein. A giorni si saprà il risultato del consulto ma pare che il primo commento del prof. sia stato: NON Si PUO’ FARE!
    a.y.s. Bibi

  3. Luciano ha detto:

    E poi, se uno zelante magistrato vuole vederci chiaro e dispone un po’ di intercettazioni per capire se (ammettendo la buona fede della Gelmini) 45 milioni sono finiti alle Cayman, si tira in ballo la persecuzione giudiziaria.

    • silvanascricci ha detto:

      Ma secondo me non sono mica finiti alle Cayman, semplicemente non sono mai esistiti.
      Hanno buttato lì una cifra alla cavolo per farci un figurone e, come al solito, hanno fatto una figurina e neppure della Panini.
      Ciao

  4. rasoiata ha detto:

    Ridateci gli Andreotti, i Fanfani, persino i Gava o i De Lorenzo.

    Molto meglio un ladro intelligente di una pompinara ignorante.

    Es todos.

    Ciao
    Zac

  5. Giovanni Farzati ha detto:

    L’orgoglio italico, si, ma non di più; oppure, prima di tirare fuorin un comunicato stampa ed evitare che la gente ti rida dietro; scrivi a quattro mani, due mani di un esperto nel settore. cacchio!

  6. ilgattosyl ha detto:

    Io ancora non capisco da dove l’ha tirata fuori sta stronzata.
    Ginevra ancora ancora visto che effettivamente c’era un tunnel per le sperimentazioni in svizzera…ma il gran Sasso? Forse è quello che bisognerebbe tirargli in testa per vedere se si rinsavisce?

    • silvanascricci ha detto:

      Ma guarda che la Gelmini mica pensa, le stronzate le vengono di getto, così senza pensarci, ed ha un ufficio stampa ed uno staff che è come lei, o forse si è adeguato a lei.

  7. Patrizio ha detto:

    Ma quanto siamo inguaiati……Arriveremo mai alla fine del tunnel?Come invidio i neutrini…….

  8. Franz ha detto:

    Come abbiamo letto, il portavoce del ministero della Pubblica Ignoranza si è dimesso, dismostrando così di essere la gallina che ha fatto l’uovo, e immagino quante gliene avranno dette…
    Non escludo che a sua volta sia stato vittima di un riuscito agguato da qualche più avveduto collaboratore che abbia organizzato lo scherzetto.

    Per quanto riguarda i quarantacinque milioni, anch’io nel leggere il ridicolo comunicato ero rimasto esterrefatto, poi da qualche parte ho letto che si tratta del contributo che fu dato alla costruzione dell’acceleratore di particelle sotto il Gran Sasso, una specie di tunnel lungo un chilometro che ha originato la colossale gaffe.

    Salutone.

    • silvanascricci ha detto:

      Non sapevo che lo stanziamento si riferisse a quello.
      Comunque non ti preoccupare per le dimissioni perchè è caduto in piedi ed ha ottenuto un altro fantastico incarico ancor meglio retribuito.
      Salutoni a te.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...