Le vittime sconosciute


Oggi è il decennale del crollo delle Twin Towers; ci saranno commemorazioni, discorsi ufficiali che ricorderanno le circa 3000 vittime.

Esistono vittime di serie A ed esistono vittime di serie B.

Deve per forza essere così, altrimenti non si spiega perchè a nessuno venga in mente di citare le altre 1700 vittime che non trovano cittadinanza nei giornali americani e nelle cerimonie pubbliche.

Moltissimi sono vigili del fuoco, ma anche comuni cittadini che si sono fermati per aiutare.

Sono i soccorritori dell’11 settembre che, esposti alle polveri, si sono ammalati e sono morti; ammalati e morti da soli senza che nessuno, stato, ospedali, compagnie assicurative li abbiano aiutati  a sostenere i costi delle cure.

Solamente Obama, quest’anno, ha stanziato un fondo, peraltro insufficiente, per dargli una mano.

Molti sono morti per le malattie, soprattutto alle vie respiratorie, altri sono morti suicidi per l’impossibilità di fare fronte alle spese, per i fallimenti finanziari e, forse, anche per solitudine.

Questi americani hanno lo stesso destino dei morti afgani, nella guerra che da quel crollo è scaturita, non sono nessuno, non hanno nome, non hanno volto.

Agli americani piacciono gli eroi di un giorno che muoiono subito, non quelli che ti ricordano, giorno dopo giorno, ciò che è accaduto, non quelli che dovresti continuare ad assistere e proteggere.

Queste sono le vittime figlie di un dio minore.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie ed eventuali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Le vittime sconosciute

  1. quarchedundepegi ha detto:

    Hai perfettamente ragione.

  2. lorettadalola ha detto:

    restano comunque morti assurde, firmate dall’incapacità dell’uomo di convivere con le diversità – la storia non riesce a insegnarci la tolleranza – ciao

    • silvanascricci ha detto:

      Tutte le morti, quelle di questo genere in particolare, sono assurde.
      Temo, purtroppo, che la razza umana non capirà mai l’enorme convenienza e ricchezza di vivere con le diversità ed in piena tolleranza.
      Ciao

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...