La scuola del metodo Minetti


Leggevo sul Fatto di ieri la lettera dall’esilio di Flavia Perina.

Lasciando perdere che pure la Perina poteva accorgersi molto prima delle insidie e dei pericoli del sistema berlusconiano rimangono sul tavolo alcune osservazioni che mi paiono piuttosto interessentanti, significative della mentalità dei politici che formano il governo, la prima è la conquista dei diritti come snodo di caduta dei valori e la seconda della contestualizzazione del merito.

“Caro direttore ha colpito molto i quotidiani del centro destra un’indagine di Universitanet.it su oltre sedicimial studenti italiani secondo cui il 48% è disposto ad offrire prestazioni sessuali in cambio del superamto di un esame o di un test di ammissione.

Il Giornale, sempre attento a questi argomenti pruriginosi, l’ha pubblicata con grande evidenza tuonando contro ‘i danni della non educazione familiare, scolastica e sociale degli ultimi trent’anni’.

Secondo Anna Maria Bernardini De Pace la colpa è della dissentata stagione dei diritti: ‘il diritto delle donne, del bambino, dei padri, delle minoranze, dei disabili, del sei politico e dell’essere dovunque siano gli altri senza mai passare attraverso il merito, la fatica, la differenza’.

Molto divertente.

A me risulta che la legittimaziuone del diritto ad usare il proprio corpo per superare i concorrenti ha origini molto più recenti.

Fino a pochi mesi fa era uno dei cavalli di battaglia del centro destra che ingaggiò sul tema una vera battaglia culturale, organizzando persino manifestazioni pubbliche all’insegna delle mutande appese.

L’alfa e l’omega di qualla straordinaria kulturkampf furono un articolo di Piero Ostellino in difesa delle donne ‘consapevoli di essere sedute sulla propria fortuna’ e determiante a ‘farne partecipe chi può concretarla’, e lo sdoganamento dellea prostituzione come sistema di promozione politica da parte dell’onorevole Stracquadanio.

Cito a memoria: ‘è assolutamente legittimo che ognuno di noi utilizzi quel che ha, l’intelligenza o la bellezza che siano per fare carriera’, e anche che un deputato od una deputata si fossero venduti per un posto in lizza non ci sarebbe niente di censurabile.

Ora che l’indagine di Universitanet rivela lo straordinario successo di queste indicazioni, perchè rinnegarle?

Il 57% delle studentesse e il 39% degli studenti che sarebbero pronti a prendere scorciatoie hot per ottenere l’ammissione a una facoltà non sono figli del ’68 ma di quello straordinario 2010 in cui metà degli opinionisti del Paese si diede da fare per santificare il ‘metodo Minetti’ e per accusare di vetero-moralismo chi, soprattutto fra le donne, avanzava critiche per quel tipo di soluzione.

Dopo quella stagione ci sono temi – il merito, i valori – su cui il centro destra dovrebbe semplicemente evitare di invervenire.

Si è giocato una volta per tutte la possibilità di farlo.

La famosa scuola sessantottina, contro cui hanno straparlato per anni, persino se fosse stata la caricatura che descrivono – bivacchi in aula, promozioni garantite a tutti, insegnanti dediti alla droga e alla propaganda politica – sarebbe meglio della ‘scuola dei furbi’ che il sistema berlusconiano ha stabilmente insediato ai piani alti e bassi della nostra società, dove la fatica e il sacrificio ci sono, sì, ma solo per i poveri, i brutti, gli sfigati che non hanno un parente assessore o per quella modesta percentuale che si ostina a pensare di potercela fare senza scorciatoie e senza vendersi.

Quanto al 6 politico, la sua più compiuta realizzazione sta nei diplomifici tipo Cepu che offono titoli di studio a pagamento per chi può staccare un assegno.

L’avrà inventato il ’68, ma oggi lo incarna il Trota, l’universitario più fortunato d’Italia che può permettersi lezioni universitarie a domicilio per non perdere tempo.

Il sedicente partito del merito se n’è accorto?”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Femminile, Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a La scuola del metodo Minetti

  1. lobo ha detto:

    purtroppo non leggo mai il Giornale, e così mi privo del continuo stimolo all’indignazione di cui c’è tanto bisogno in questi duri anni (ma anche della dose di ridicolo che può rallegrare una giornata). Grazie per avermi offerto queste opportunità. Che la Perina non fosse malaccio, già lo sospettavo, però sembrano sempre tardivi questi ravvedimenti, quando la morale sembra proprio alla deriva.

    • silvanascricci ha detto:

      Effettivamente il Giornale, che neppure io leggo, offre spunti notevoli sia per arrabbiarsi che per ridere (amaramente), per quanto riguarda i ravvedimenti tardivi utlimamente ce ne sono molti, possibile che prima non abbiamo capito nulla mentre molti di noi, comuni mortali, lo avevano capito già?
      Misteri della fede….mica tanto misteriosi.
      Ciao

  2. rasoiata ha detto:

    Pure io, al pari di lobo, non consulto mai quelle pagine.

    Detto ciò il ragionamento e’ semplicissimo:
    La dai al barone e prendi trenta e lode in anatomia.
    Poi cresci e ti ritrovi con il bisturi in mano e prelevi un fegato sano al posto di un pancreas neoplasico.

    Avanti così, tutto bene, tutto a posto.

    Ciao
    Zac

  3. Bibi ha detto:

    Purtroppo la cosa non è una recente novità introdotta dalla Gelmini ma era pratica già nota anche in passato. Ti assicuro che già in un passato lontano e privo di Berlusconi (il mio passato universitario e quindi anni luce dal ventennio di arcore) c’erano scorciatoie di questo tipo e venivano prese senza tante remore. E parlo di fior di ateneo. E te lo dico per certo perchè ho assistito personalmente con altri quattro compagni di corso alle evoluzioni sessuali di un prof e di una studentessa che inavvertitamente non avevano considerato che l’ateneo aveva finestre molto grandi e c’erano tanti piani.. e tanti palazzi intorno. Bella gnocca cmq la studentessa e se la tirava pure…prima…dopo… un po’ meno.
    a.y.s. Bibi

    • silvanascricci ha detto:

      Anche qui può essere benissimo, però quando ero studentessa nessun docente, giovane o vecchio, mi ha mai fatto proposte del genere o mi ha fatto capire tale richiesta; ed ero pure belloccia….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...