Il verbo dei coglioni


Dichiarazione di Borghezio che le ragioni della strage di Oslo sono giuste:

“Il coraggio chi non ce l’ha non se può dare.

Per assumere certe posizioni bisogna AVERE i coglioni”

La verità è che per assumere certe posizioni bisogna ESSERE dei coglioni.

12 pensieri su “Il verbo dei coglioni

  1. avevo sentito di Feltri ma di Borghezio ancora no
    Certo che uno rimane proprio senza parole. Neppure la Palin o i Bush qui si sognerebbero mai di uscirsene con frasi di questo tipo…e tantomeno di passarsela liscia dopo averle dette.

    1. Soprattutto la seconda che hai detto.
      Qui invece, polemiche d’obbligo a parte, non succede nulla; lui resta a fare il parlamentare, a sparare pericolose cazzate e bona l’è.

  2. Ho già espresso la mia opinione riguardo Borghezio sul blog di loretta, posso solo aggiungere che la posizione in cui vedrei bene Borghezio è a 90°.
    a.y.s. Bibi

      1. Borghezio ha il pregio ineguagliabile di riunire le folle più eterogenee sotto un’unica bandiera ed un unico scopo…dove mettergliela..
        a.y.s. Bibi

  3. I coglioni sono tutti quel 8,5% che hanno votato Lega alle ultime elezioni, noi ne paghiamo le conseguenze sia in Italia che al parlamento europeo.
    Mi chiedo perche’ nessun politico dell’opposizione si sia mai interrogato sulla anticostituzionalita’ di un Partito che professa la secessione dall’Italia, che farnetica su una parte del Paese che non esiste e non e’ mai esistita, la Padania, e soprattutto che non abbia mai agito di conseguenza per mettere fuori legge sia questo partito che i suoi parlamentari? Come si fa ad avere un europarlamentare che non VUOLE essere Italiano ma che rappresenta l’Italia? Contraddizioni italiane???? Quanti altri Paesi in Europa hanno questo problema? SOLO NOI …. pizza, mafia, mandolino e bunga bunga.

    1. Sì cara Marinella, almeno in europa, solo noi abbiamo certe contraddizioni, ma non ce ne facciamo un problema, neppure l’opposizione se lo fa più di tanto.
      Ciao carissima.
      S.

  4. Cara Silvana, ci sono momenti in cui rimpiango i Gulag, a volte pure i Lager, lo so’, trattasi di violenza pura, ma ogni volta che incrocio una dichiarazione di quel trigliceride espanso, altro non mi sovviene.

    Una volta lo incontrai a una fiera a Vicenza, ma sai che viene retto da due aiutanti mentre cammina e non ha i lacci alle scarpe, in quanto non riuscirebbe a legarsele in alcuna posizione.

    Ciao
    zac

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...