Pietro non torna più indietro


“Di chi sono quei pantaloni lì?”. “Della Titti”.

“Di chi è quel casco?”. “Di Zobbo”.

“Di chi è quella borsa”. “Della Ceci”.

Il mondo globale dei ragazzi si muove così.

Tutte le cose comprate o prese in prestito dai genitori, che siano indumenti, mezzi di locomozione, aggeggi domestici o cose importanti, sono a casa di un altro.

Un mutuo scambio da mercatino delle pulci dove tutto sembra in prova, ma in realtà è stato dimenticato.

E allora chi ha figli adolescenti ha già visto, per esempio, arrivare in casa sedici caschi da moto diversi; ha già sentito un “papà mi presti il casco che il mio è da Pilly, stasera te lo rimetto nel bauletto” per poi non rivedere mai più il proprio casco e smadonnare la mattina dopo quando deve caricare un amico, apre il bauletto e si accorge che è desolatamente vuoto.

Il casco ce l’ha Pilly.

O forse, in quel momento, ce l’ha già Greggy o la Toda.

Le cose vengono acquistate e a volte mai indossate, finiscono subito addosso ad un altro e non vengono nemmeno più chieste indietro.

Fluttuano indumenti sconosciuti in armadi di mezza Bologna in un promiscuo bazar a zero lire.

Si vedono in giro ragazze vestite con le scarpe della Floppy, i bermuda di Lanzaro, la t-shirt del nonno di Buggo, il motorino della Fro, la borsa della Fri e la collana della Fra.

Viene in mente una grande costumeria teatrale per un rutilante spettacolo in cui tutti si travestono da qualcuno e il giorno dopo da qualcun’altro, che dopo non distingui più i personaggi e figuriamoci il testo.

La faccenda è molto seria.

Soprattutto perchè ad un certo punto della vita, sfortunatamente, gli indumenti dei genitori vanno bene anche addosso ai figli.

Disastro.

Ti ricordi di avere una felpa e la cerchi una mattina intera, mandi tre cancheri al ragazzo delle pulizie, accusi tutti, marito, figli, nipoti, amici dei figli, una specie di anatema globale.

Poi ti accorgi che era da lavare.

O, viceversa, la ritrovi dopo tre giorni in via Rizzoli addosso a una con la cresta e allora urili: “la mia felpa! fermo!” E lei ti guarda come fossi un pezzente e ti dice: “stai alla larga, maniaca!”

Una volta quando si prestava una cosa si puntualizzava: “oh, guarda che si chiama Pietro, eh?”

Adesso le cose non si chiamano.

O, quando va bene, si chiamano Fede o Benas, se erano di una certa Federica o di un certo Benassi.

Mia figlia, per esempio, ha da due mesi in casa la borsa per andare al mare (che poi non ci sono andate) di una sua amica, ma con dentro tutto, ciabattine, telo, costume di ricambio, crema solare, ciappettini per i capelli.

Praticamente un completo.

Che viene riciclato e smontato per cui la crema solare va a finire a casa di una zia di Ferrara che era venuta nel weekend e si era messa a prendere il sole in giardino, le ciabattine sono ai piedi della nipote della filippina della vicina di casa che le ha usate per andare a portare l’indifferenziato e non se le più tolte, l’amica di mia figlia, intanto, sta usando un completo-mare di qualcun’altra.

Tutto regolare.

Una signora che conosco in casa ha degli scaffali come nei negozi, con i nomi degli amici dei figli.

Quando arriva Andruz va a dare un’occhiata lì dove c’è il suo nome e qualcosa trova.

Mal che vada pesca nello scaffale di Bubi.

Di questo passo ci si troverà a prestare la macchina, la casa, forse, la moglie.

“Chi è quella?”, “la moglie di Foffi, lui ha la mia, poi forse ce la ridiamo”

Io, intanto, ho un armadio che non riconosco più.

Roba non mia.

Tra poco esco con le scarpe di Lucy che mi stanno larghissime, con i pantaloni di Jobba che sono strettissimi e con la t-shirt heavy metal di Poppy.

Ma guardandomi bene allo specchio, ma sì va là, non sto neanche male.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comici e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Pietro non torna più indietro

  1. unarosaverde ha detto:

    Mi hai fatto venire l’ansia. Descrivi una situazione nella quale emergerebbero tutti i miei problemi psicologici irrisolti. Odio indossare scarpe e vestiti di qualcun altro: deve essermi successo una, massimo due volte nella vita ed ero in estremo disagio. Non concepisco nemmeno l’idea di prestare i miei. So esattamente dove sono le mie cose, in casa mia, e non ho proprietà disseminate in giro per case altrui. La cosa più personale che ho in ufficio è la foto del desktop. Libri ne presto volentieri e me li prestano ma dopo due mesi se non sono tornati a casa sollecito il rientro. Piuttosto se mi accorgo che ho oggetti che non mi servono o che non uso o li regalo o li vendo. Sono sempre stata così, fin da piccola. Ma se mi dici che questo comportamento di condivisione comunitaria è la norma comincio a preoccuparmi seriamente…

    • silvanascricci ha detto:

      Non so se è la norma, ma comune sì.
      Sento i racconti di mie moltissime amiche che sono simili a questo, non sanno mai cosa è effettivamente loro e dei loro figli o di qualcun’altro; a volte non sanno nemmeno se i figli che hanno in casa sono i loro o meno. 😉
      Però consolati pensando che la normalità non esiste… quindi tutti siamo normali!

  2. eliana ha detto:

    un bel pezzo. Scrivi bene!

  3. rasoiata ha detto:

    Splendido, magari smadonnerai pure, ma e’ il mio sogno da sempre, le cose sono di tutti, perlomeno di tutti i miei amici.

    Ma quando ero bambino non funzionava così, se arrivavo a casa con il berretto di Francesco, in cinque minuti veniva restituito, con scuse fra genitori annesse.

    Ciao
    zac

    • silvanascricci ha detto:

      Ho capito, ma non sai mai cosa hai e cosa non hai.
      Metti una mattina alle 7.00 mentre ti prepari per andare a lavorare ed hai in mente di metterti una certa cosa, apri l’armadio ed ecco che non la trovi, cominci a dire tutti gli oremus che conosci, insisti e finisci con l’uscire di casa in tutt’altra maniera rispetto a quello che avevi pensato e pure in ritardo…
      Besos

  4. alvi ha detto:

    omnia sunt comunes: un sogno.
    sto con zac

    Ps nanatto
    a mia figlia piccola (6) diciamo che bello che regali le matite o la gomma al tuo amichetto (che a sua volta,…). Un giorno gli regala la bicicletta!!!
    ovvio che non si fa e la mamma dell’amichetto, del resto, da per scontato che il regalo non è accettato.
    generosi ma con judicio

  5. FraStellina ha detto:

    vero verissimo. infatti quando vedo una maglietta carina addosso ad una mia amca, alla domanda:”Dove l’hai presa?” (intendendo:COMPRATA), l’80% delle volte la risposta è:”è di una mia amica che è venuta a dormire da me due notti fa/due mesi fa/ due anni fa”.
    io personalmente sono un po’ schizzinosa e non amo mettermi la roba d’altri, anche se lavata duemila volte… in compenso ho un videoregistratore e quattro/cinque(mila) libri di altrui proprietà che stazionano sul mio comodino da mesi (e questo, se vogliamo, è un peccato ben peggiore, per un’amante dei libri… se lo facessero con un MIO libro,sarei disposta a uccidere per riaverlo).
    Baci,
    Fra.

    • silvanascricci ha detto:

      Quindi il vintage (che mi piace da matti) non fa per te.
      Certo che il sistema del cambio, prestito, dimenticaza moltiplica le possibilità…
      Besos

  6. cescocesto ha detto:

    sono sicuro che eri un figurino! 🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...