Zippergate


Lo hanno acciuffato come un terrorista del sesso, un “predator” di camerierine da pochade porno, quando credeva di averla fatta franca.

Lo hanno arrestato sul grande aereo bianco Air France, in Prima Classe, mentre le assistenti gli servivano champagne e succo d’arancia, benvenuto a bordo Monsieur Dominque Strass-Kahn, si allacci le manette.

E ora ci segua in un commissariato di Harem. Se la storia rigurgita di esempi, sghignazzi, drammi e tragedie di uomini troppo superbie e vanitosi per resistere alla più umana delle tentazioni e precipitati a capofitto nella “trappola del miele”, il suicidio politico e civile del direttore francese del fondo monetario internazionale, è una pagina nuova e inedita nell’enorme libro della libido impazzita e autodistruttrice.

Come un qualsiasi Kobe Bryant, il campione di basket ventenne ubriaco di ormoni accusato di violenza sessuale su una cameriera d’albergo in Colorado nel 2003, proprio lui che, bello ricco e famoso, avrebbe potuto avere armate di donne, così oggi Strass-Kahn paga il prezzo che gli uomini drogati dalla vanità pagano alla sessualità: la certezza di poter avere ogni donna, ovunque, nel nome e nell’immunità del proprio potere, l’irresistibile afrodisiaco che nessuno è ancora riuscito a comprimere in pillole.

Non amore, non libido, non scappatelle o voglie comprensibili.

Potere.

Manifestato nel signoreggio sulle femmine del gregge.

Storia antica e banale, che il caso Strass arricchisce, se confermata, di prospettive più ignobili.

Ogni cultura, ogni epoca, ogni sistema politico conosce gli effetti e le conseguenze di “pensare con quello che hanno fra le gambe e non fra le orecchie” come fu detto degli insaziabili Kennedy Brothers.

E’ una galleria perfettamente bipartisan e bi-tutto, che può aiutare carriere o distruggerle, secondo il grado di trasgressione e la capacità nazionale di ignorare e tollerare atti e menzogne.

Sesso tuo, vita mea.

Non deve essere stato così nel caso di Strass-Kahn che si era rifugiato nel ventre accogliente di un aereo francese all’aeroporto Kennedy, dopo avere avuto la delicatezza nazionalistica di assalire una domestica in un hotel di proprietà francese, tirando un sospiro di sollievo quando il trattore aveva cominciato a spingerlo verso la pista.

Ma, apparentemente, lo scandalo scoppia tra lo stupore indignato dei seduttori sedotti.

Non capiscono, per loro è naturale, normale, un fringe benefit del potere come l’autista, l’ufficio con i ficus, la poltrona in first class, la facoltà di avere ogni donna che li stuzzichi.

Chi si scandalizza appare a loro come un moralista, un puritano, un ipocrita, magari dimenticando che i primi e massimi ipocriti sono proprio coloro che predicano le virtù pubbliche, mentre sfogano le voglie private.

Strass-Kahn non e l’eccezione. Sono la sua brutalità, se sarà provata, la sua violenza, il fatto nuovo e criminale.

Molti non ci credono, non ci possono credere, e forse non ci crede neppure lui.

Come osa, una piccola “femme de chambre”, una domestica, accusare lui, il signore, di averne abusato?

(Vittorio Zucconi)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Femminile e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Zippergate

  1. Bibi ha detto:

    Ne riparliamo…oggi non riesco a ragionare seriamente… è come l8 settembre…
    a.y.s. Bibi

  2. Bibi ha detto:

    Vediamo se oggi riesco a ragionarci sopra.
    Una cosa….se fosse tutto vero e bada che lo dico giusto per non voler escludere ogni possibilità, allora ci troveremmo davanti ad un malato mentale da rinchiudere.
    E non solo per lo stupro, cosa già di per sè gravissima ed enorme ma perchè in quella situazione, in quel modo…ha buttato nel cesso più vite: la sua, quella dalla ragazza, della moglie..e degli eventuali figli.
    Detto questo l’analisi di Zucconi è quasi perfetta: il potere è una droga che si pensa permetta di fare tutto (un po’ come dire che una tal Ruby sia la nipote di Mubark..).
    a.y.s. Bibi

    • silvanascricci ha detto:

      La droga è l’arroganza che il potere instilla in ogni fibra del corpo.
      Una volta ottenuto il potere ti ritieni libero di fare qualunque cosa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...