Milano mia….fammi un regalo


Domani è il mio compleanno e mi piacerebbe che il paese mi facesse un regalo (si, ok, capisco di avere manie di grandezza); mi portasse la notizia della sconfitta di un’Italia becera, affaristica, che pensa solo ai fatti suoi.

Vorrei in regalo un paese che cambia pagina, che porta un vento di cambiamento e di rinascita, un paese in cui chi la pensa diversamente non venga considerato una persona antropologicamente diversa, dove chi fa il proprio mestiere non venga considerato un cancro, dove le persone oneste non siano paragonate a metastasi.

Vorrei per regalo un paese dove chi governa non racconti storielle volgari ed imbarazzanti; un paese in cui le donne non siano considerate oggetti orizzontali, ma criticate ed apprezzate per quello che dicono e fanno.

Vorrei un paese in cui, per sistemarsi, non sia necessario sposare un miliardario.

Vorrei un paese in cui chi non paga le tasse venga considerato un ladro e non un furbo da imitare, un paese in cui trovare un lavoro non sia impresa disperata ma atto normale.

Vorrei un paese in cui non sia lecito solo di sperare di tornare a casa dopo il lavoro, un paese in cui chi è responsabile della morte dei lavoratori non venga applaudito.

Vorrei, per il mio compleanno, un paese normale, civile ed accogliente.

Quindi parafrasando Roberto, Milano mia…fammi un regalo.

16 pensieri su “Milano mia….fammi un regalo

  1. Auguri, auguri auguri. Tre volte auguri, come porta fortuna e un abbraccio di cuore.
    Non so se il dono in cui speri si avveri, e allora magari festeggeremo.
    Ma la mia impressione dopo la prima giornata ai seggi è piuttosto pessimista.
    Ho visto l’andamento degli afflussi e l’età delle persone che hanno votato, azzardo un pronostico (pessimistico purtroppo)
    Bologna e Torino dati per certi al centrosinistra al primo turno, andranno al ballottaggio. Milano e Napoli, dati per certi al ballottaggio vincerà la destra al primo turno.
    Sono dati che mi auguro siano smentiti, ma l’impressione che ne ho tratto stando al seggio è questa.
    E per me non è bella. La sensazione è la stessa delle politiche del 2008 e si vide come finì.
    Ciao carissima, a presto.

    1. Grazie, grazie, grazie!!!
      QUesta volta spero proprio che questa volta si sbagli, per il bene di tutti noi.
      Un abbraccio, a presto.

  2. Mi augurerei anche, e soprattutto, che a vincere siano persone oneste che anziché preporre il proprio interesse “amino” un pochino la popolazione che avrà dato loro il voto.
    Temo che il mio augurio sia una specie di miraggio.
    Esistono ancora politici e amministratori onesti?
    Conosco un Amministratore (ex Sindaco di una città importante) veramente onesto. Non andava bene! Ora è ridotto al limite della miseria.

  3. Auguroni!
    E sperem…di toglierci la Moratti dai piedi (francesismo per non dire altro..).
    A proposito della Moratti…ma il ministro della Difesa LaRussa, fine dissertatore di bellezza, in quanto fulgido esempio vivente, dove la collocherebbe..in una scala da 1 a 10?…
    a.y.s. Bibi

  4. Trepidiamo tutti con te, attendendo l’apertura del tuo collettivo regalo – sarebbe un bellissimo complenno che darebbe quella ventata di cambiamento di cui c’è tanto bisogno – attendiamo, incrociando le dita, di poter/ti finalmente urlare: ip ip urrà!
    Nel frattempo ti giungano dei semplici auguri…

Rispondi a lorettadalola Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...