Una mela al giorno…


…toglie il medico di torno (se hai mira, direbbe la Ragazza con la Valigia).

Ma io spererei che una mela al giorno andasse di traverso nel gozzo dell’attuale presidente del consiglio, oppure disperso sotto quintali di mele tirate dalla donne che, quotidianamente, offende.

Uno è liberissimo di raccontare tutte le barzallette che vuole e che sa (anche dalle storielle che si raccontano si può capire la tipologia della persona), ma non come quella che potrete vedere nel video davanti ad una parata di sindaci con la fascia tricolore in una pubblica seduta.

E quel che è peggio è che i suddetti sindaci invece di andarsene o tacere indignati hanno riso offendendo la nazione molto di più di chi brucia la bandiera.

C’era chi raccontava parabole, invece l’attuale Unto del Signore racconta storielle oscene per far proseliti.

Questo è il link per vedere il video: http://tv.repubblica.it/copertina/il-lato-b-della-mela-la-nuova-barzelletta-di-berlusconi/65420?video

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Una mela al giorno…

  1. robespierre21 ha detto:

    sono tutti figli della stessa madre

  2. speradisole ha detto:

    Che cosa si sono persi quelli del vertice contro la Libia non invitando Berlusconi? La barzelletta della mela che sa di culo. Immagino il loro sconforto.
    Ciao carissima, un abbraccio.

    • silvanascricci ha detto:

      A saperlo lo avrebbero sicuramente invitato.
      Se non altro per farsi l’ulteriore risata alle nostre spalle.
      Un carissimo abbraccio

  3. frastellina ha detto:

    ma facesse ridere! manco quello…
    fa proprio piangere dalla vergogna e dall’indignazione

  4. alvi ha detto:

    Anch’io la sapevo coma la ragazza con la valigia.
    Per il resto, B. è molto chiaro, direi limpido (nella comunicazione non negli interessi che muove), a chi piace se lo piglia.
    E’ la democrazia bellezza.

  5. lorettadalola ha detto:

    Ignobile essere! Probabilmente le sue barzellette non verrebbero pronunciate neppure dal ragazzo più discolo del peggior bar della peggiore perifieria italiana, ma lui no, ce le propina da anni e in tutte le occasioni, anzi, meglio in quelle serie e ufficiali, li è il primo e speriamo l’ultimo che spopola con questo “vezzo”. Anche questa volta le sue storielle offendono, ma lui lo riterrà soltanto un pretesto per attacchi strumentali e ipocriti di noi conunisti. ciao

    • silvanascricci ha detto:

      Non so se ci hai fatto caso, cara Loretta ma le barzellette peggiorano in maniera esponenziale, sono direttamente proporzionali alla capacità di sopportazione e di idiozia di moltissimi italiani.
      Ciao

  6. Marinella da Durban R.S.A. ha detto:

    Che dire Silvana, come nelle migliori dittature africane!!!!!!
    Evidentemente da quando frequentava Gheddafi deve avere imparato molto dal Rais col tendone e le valchirie …. azzo che gli ha baciato le mani! Mafioso fino in fondo!!!!!!!!! Talmente preso dal suo nuovo amichetto che non si e’ neppure reso conto che il tipo si e’ prontamente asciugato la mano sul sottanone.
    Ridicolo e’ dire poco, stiamo perdendo la faccia di fronte al resto del Mondo! Siamo fra la soap opera e il reality, penso che chi lo vota se non per interesse finanziario, lo faccia perche’ pensa prima o poi “vado anch’io in tv”, gente rincoglionita totalmente, roba da lobomizzati.

    Un abbraccio carissima amica, sperando che lo psiconano se non cade per le escort cada per gli immigrati.

    Marinella

    • silvanascricci ha detto:

      No, no carissima Marinella, peggio delle dittature africane.
      Almeno quelle non si ammantano di una democrazia di facciata, quello che sono, spesso, lo dichiarano; siamo noi che ci crediamo un paese civile e democratico e lo siamo sempre meno.
      Io non so quando il nano cadrà, ma prima o poi avverrà perchè è fisiologico, ma so quanto tempo ci vorrà per riparare i danni provocati: decenni e decenni.
      Un abbraccio grandissimo
      Silvana

      • Marinella da Durban R.S.A. ha detto:

        Cara Silvana, l’Italia ha avuto diversi periodi bui nei suoi 150 anni, abbiamo avuto il fascismo, il dopoguerra, gli anni di piombo, tangentopoli e il berlusconismo.
        Se si fa un’analisi dettagliata si puo’ vedere che i periodi sono concatenati fra di loro e in questo l’elettorato italiano ha avuto un ruolo importantissimo, siamo sempre stati un Paese dove la politica populista fa parte del nostro bagaglio culturale, l’ignoranza continua a farla da padrone insieme all’ottusita’ e al bigottismo.
        Siamo un popolo che rispettiamo le leggi solo quando viviamo fuori dal nostro Paese ma che in Patria abbiamo una sorta di regressione infantile.
        Si e’ combattuto contro il fascismo eppure nel primo parlamento del dopoguerra i fascisti c’erano, come c’erano durante gli anni di piombo poi si e’ passati al clientelismo mafioso con tangentopoli, ora Berlusconi li ha accorpati tutti insieme.
        Tu parli di danni provocati dal nano, piu’ che di danni io lo paragono ad un cancro con metastasi, finche’ il malato non muore e’ incurabile. In tutto questo scenario la sinistra, l’opposizione, hanno adottato dei paliativi invece di mettere in campo cure drastiche!
        La vedo dura per il mio Paese una rinascita di onesta’, democrazia e moralita’.
        Ciao a presto.
        Marinella

      • silvanascricci ha detto:

        Anch’io la vedo durissima, proprio per quel file rouge che descrivi e che lega tutto il nostro passato recente.
        Un abbraccio
        Silvana

  7. cescocesto ha detto:

    il re e i cortigiani. ormai siamo a questo..
    applausi a comando, risat(on)e a comando, e barzellette sempre più volgari e tristi.
    confidiamo tutti in una sana mela di traverso.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...