Arlecchino servitore di due padroni


Non c’è nulla da fare.

Quando qualcosa è scritto nel Dna non c’è santo che tenga, prima o poi viene fuori nonostante gli sforzi ed i tentativi.

Questo vale anche per le nazioni e non soltanto per i singoli.

Se fosse mai possibile fare una mappatura del genoma nazionale verrebbero fuori, oltre ad alcune caratteristiche positive, anche altre che lo sono decisamente meno: il pressapochismo, la furberia (e non la furbizia), e soprattutto il tradimento.

Se osserviamo il nostro passato remoto e prossimo ed il nostro presente troviamo il tradimento come una costante dei nostri rapporti internazionali; proprio non ce la facciamo a stare coerentemente, responsabilmente e scientemente dalla stessa parte.

Noi ondivaghiamo, tradiamo e cambiamo schieramento ad ogni mutar di fronda o meglio ad ogni mutar di interesse e di sollecitazione.

La prima guerra mondiale è stata la madre di tutti i tradimenti; avevamo un patto pluridecennale e solidissimo con Austria e Germania, nel 1914 allo scoppio delle ostilità mentre dichiaravamo la nostra neutralità patteggiavamo col nemico per trovare un buon ingaggio contro austriaci e tedeschi.

Lo stesso accadde con la seconda guerra mondiale; nel luglio 1945 Badoglio dichiarava dichiarava che la guerra continuava a fianco dell’alleato germanico, ma ecco che nel settembre del 1945, quando ormai i tedeschi avevano invaso il paese chè di noi non si fidavano, avviene il salto della quaglia e passiamo a piè pari con gli alleati.

E per fortuna che ci furono i partigiani a salvare quel che restava della dignità del paese.

Qualche anno dopo, nel 1949, il governo De Gasperi decretò l’entrata del paese nel patto Atlantico alleandosi con gli anglo americani che avevamo combattuto fino al 08 settembre del 1945 e di cui avevamo detto peste e corna.

Durante la guerra del Kossovo, alla fine degli anni ’90, ministro degli esteri D’Alema, ecco che ci mettiamo a bombardare, con insospettabile fedeltà alla Nato,  quel che restava della Jugoslavia con la quale avevamo sempre intrattenuto ottimi rapporti economici, culturali e turistici.

Ed ora ci mettiamo, forse, a bombardare la Libia con la quale pochissimo tempo fa abbiamo firmato un trattato di ferro col quale ci impegnavamo a non fornire neppure le basi militari per azioni offensive fatte da altri.

Da Metternich a Bonaparte, da Bismark ad Eisenhower ci siamo conquistati sul campo la fama di arlecchini servitori di due o più padroni.

Il tradimento, il doppio gioco, l’pportunismo sono nel nostro Dna tanto che le diplomazie internazionali non ci hanno mai preso, veramente, sul serio e molti hanno anche riso del nostro paese squalificato nel consesso mondiale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Arlecchino servitore di due padroni

  1. vinicio ha detto:

    Anche io dopo l’ atteggiamento del ns governo nei confronti della Libia ho fatto mentalmente la cronistoria dei precedenti “opportunistici cambiamenti di schieramento” alias tradimenti ( giustificati con puerili e ridicole scuse).

  2. rasoiata ha detto:

    Come in una commedia del Goldoni, cara Silvana.
    Da cent’anni spettatori “paganti” di uno spettacolo obbligato.

    I cinesi che lavorano in Italia pagano perlopiù in contanti, e si fanno pagare in contanti.
    I cinesi che lavorano in Germania pagano con RID e si fanno pagare con RID a 30giorni.

    Non e’ un raffronto a scopo fiscale, no, e’ che persino loro hanno capito che l’Italiano non e’ affidabile.

    Una volta lessi un libro, di cui purtroppo non ricordo il titolo, nel quale una banda di irlandesi usava offendersi con un unica frase:

    “Parola di Italiano”.

    E pensa che io amo ancora alla pazzia questa Nazione.

    Ciao
    Zac

    • silvanascricci ha detto:

      La classe dirigente è lo specchio della nazione che a sua volta si specchia nella classe dirigente.
      E’ un cortocircuito.
      Ciao
      S.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...