Sono tornata a Palazzo


Oggi pomeriggio ho ceduto alla nostalgia, alla curiosità.

Sono tornata a Palazzo.

In realtà, dalla nefanda estate dello scorso anno, c’ero già tornata due volte, ma entrambe per appuntamenti decisamente lontani dal basket e dallo sport, ma già allora entrare nel Madison italiano mi aveva emozionato.

La squadra è quella che è, giocare contro il Caorle, con tutto il rispetto, non è la stessa cosa che vedere il Real, il Barcellona, il Tel Aviv, eppure una vaga e flebile eco della vecchia anima Fortitudo nei mille che erano a Palazzo è rimasta.

Solo alcune cose legano il passato al presente, il vecchio inno ad inzio e fine partita e quel nome: Alibegovic.

Alibegovic, ora, come allora è la speranza a cui tenersi attaccati; allora fu Teo a salvare la storia della “F”, Teo che portò, poi, i Seragnoli, i Scariolo e gli scudetti; ora è Mirza che speri riporti fuori la storia.

Non per il valore del ragazzo, solo per il nome; in una sorta di cabala salvifica.

I poster di Leon Douglas, di Wilkins, di Myers e Basile mettono malinconia, le maglie scudettate creano rimpianti, eppure qualcosa, ancora, c’è; qualcosa, ancora, è rimasto.

E’ rimasta la follia.

La follia di crederci ancora, almeno un poco.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sport e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Sono tornata a Palazzo

  1. rasoiata ha detto:

    Si evince l’eterno amore per una squadra di basket, da un particolare:

    sta scritto “a Palazzo” e non “al Palazzo”.

    Se non e’ un errore di battitura, allora il post potrebbe essere finito li’.

    Ciao,
    Zac

    • silvanascricci ha detto:

      Non è affatto un errore di battitura, ma non me ne sono resa conto fino a che non me lo hai fatto notare, la scelta è stata assolutamente inconscia, quindi ancor più vera.
      Come una sorta di principessa delle fiabe che torna in quella che, per tantissimi anni, è stata casa sua.
      Ciao
      S.

  2. alvi ha detto:

    anch’io ho visto il titolo e ho pensato quale imponente/impotente palazzo di potere torna silvy?

    sò proprio mona…

    intanto Venezia (non riesco a ancora dire reyer) sta tornando vince e la gente resta furi dal palazzetto, perchè il Taliercio non si può proprio chiamare palazzo.

    In bocca al lupo

    • silvanascricci ha detto:

      Tesoro, io non frequento i palazzi del potere, ma solo quelli dello sport.
      Le contraddizioni… il Taliercio non è un palazzo ma Venezia gioca in serie A2, il Paladozza è un palazzo straordinario ma la Fortitudo gioca in serie B dilettanti.
      Una proposta: costruiamo un palazzo bellissimo come c’è a Bologna anche a Mestre e facciamo tornare la Fortitudo in serie A, poi andremo a vedere le due partite insieme.

      Crepi il lupo!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...