L’asticella del limite


Vorrei ringraziare l’attuale presidente del consiglio, onorevole Silvio Berlusconi.

Grazie a lui, quest’anno, abbiamo superato i giorni della merla e anche quello della candelora senza correre rischi.

Senza cadere nella banale trappola delle chiacchere sul tempo, sul freddo e sui proverbi nei nostri luoghi di lavoro.

Grazie a lui abbiamo dissertato, in mensa, nelle pause caffè, agli orologi marcatempo di Viagra, di Cialis, di protesi, di peni e di bunga-bunga.

E la differenza di profondità degli argomenti trattati è sotto gli occhi di tutti.

Abbiamo parlato di competenze territoriali e competenze funzionali senza neppure sapere di cosa si trattasse, abbiamo disquisito di prezzi di escort e costi di prestazione come se fossimo esperti puttanieri del settore (e qualcuno può pure essere che lo fosse per davvero).

Abbiamo saputo tutto del culo flaccido del nostro (che poi, a ben pensarci, come vuoi che ce l’abbia il sedere uno di settantacinque anni?), abbiamo imparato l’ammontare di un affitto all’Olgettina, confrontandolo con i prezzi dei monolocali di Bologna scoperendo, inoltre, che non c’è neppure ‘sta gran differenza.

Abbiamo capito quali sono le preferenze ed i gusti del presidente in fatto di gnocca (e non dico, di proposito, donna perchè in questo caso si tratta solo ed esclusivamente di pezzi di carne al mercato).

La ringrazio, presidente, anche per aver distolto la nostra attenzione dalla disoccupazione giovanile e non, dal caro prezzi, dal debito pubblico in aumento, dalla speculazione finanziaria che potrebbe travolgere il nostro paese assieme agli altri PIGS; di tutto questo le siamo grati poichè bisogna trattare argomenti allegri ed essere ottimisti.

Non importa se nel frattempo Marchionne ha dichiarato che, nonostante il Sì al referendum di Mirafiori, la sede della Fiat potrebbe diventare unica e stare a Detroit.

Tutto questo è irrilevante, non ci tocca direttamente.

Però, caro Presidente, ci faccia un’ulteriore cortesia: mandi i suoi uomini in tutte le sedi, ricatti, rubi, treschi, tutto quello che vuole ma non ci faccia, mai, vedere le foto che lo ritraggono nudo.

Siamo costretti a vederci la sua faccia tirata, stanca, vecchia e rugosa tutti i santissimi giorni nei telegiornali di Minzolini, nei suoi video messaggi, nei giornali e nei settimanali di sua proprietà e non sopporteremmo di vedere anche il suo culo flaccido, i suoi pettorali mollicci, i suoi addominali mosci e gelatinosi; noi italiani siamo gente paziente, ma a tutto c’è un limite e pur avendo già spostata, e di parecchio, l’asticella del limite si arriva ad un punto in cui non c’è più terreno dove piantare l’asticella.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a L’asticella del limite

  1. Tonino ha detto:

    Signor presidente
    La ringraziano i tanti giornalisti dei suoi quotidiani , di quelli che controlla e di quelli contro .
    La ringrazia la Rai che ottiene alte entrate pubblicitarie, i tassisti impegnatissimi, le compagnie aeree, i ristoranti, gli hotel, l’indotto a tutto ciò.
    Ma Lei Signor presidente ,ha mai immaginato se il Suo enturage le applicasse un grande assorbente alle sue stanche terga, quanti licenziamenti provocherebbe ?
    Sarebbe davvero un 2012 tragico !
    Immagina le borse di tutto il mondo come andrebbero a picco quando le feci prodotte non varranno più tanto ?
    Con le sigarette nel naso .La ossequio.
    T.

  2. lorettadalola ha detto:

    Aprire i giornali, ultimamente, è assolutamente desolante:tutti gli dedicano diecine di pagine ogni giorno, un vero tormentone. Rimpiango il caso Avetrana dove almeno ad essere messe in scene erano miserie umane che ora attendono in carcere, giustizia e i cui danni seppur dolorosi si sono limitai a qualche vittima. Bene, anche ammettendo una condanna definitiva quanti anni di carcere duro, in Italia, potrà mai prendersi Berlusconi? Secondo me neanche mezza giornata e tutto stò polverone risultrà non solo inutile ma anche dannoso perché esempio per altri…avremmo bisogno di un buon sbiancante per ricominciare con altri valori politici. Ma dove si acquista questa candeggina?

    • silvanascricci ha detto:

      E’ una desolazione tremenda, certo che dover scegliere tra Avetrana e Arcore è una desolazione.
      La candeggina che dici tu è, praticamente, introvabile almeno alle nostre latitudini.

  3. alvi ha detto:

    Mi sono deciso.
    Il bunga è gossip e non mi interessa, e non mi interessa il moralismo su Berlusca che fa le orge (mettiamo tra parentesi per un momento la corruzione di minore), anzi mi preoccupa e mi spiace il disprezzo verso le “puttane”.
    Ho visto che tale luisa muraro ha scelto di non firmare l’appello di suor concita (che tambjen tenia razon).
    Basta puttane e spose.

    Ps lo scrivo qui perchè, onore al merito di Silavana, in questo blog non ci sono post sguazzafango.

    • silvanascricci ha detto:

      Antico ed onorevole mestiere… in fondo io disprezzo molto, ma molto di più la prostituzione intellettuale, e di quella, in questo paese, siamo pieni fino al collo.

      P.S. grazie.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...