Giornata “capelli no”


Avete, per casa, figlie femmine con la fissa dei bei capelli?

No? allora siete fortunati.

Si?, allora potrete capirmi.

Ore 14,28 torno a casa e trovo la figlia rilasssssatissima e giuliva che smanazza sul PC.

Questa sera, alle 19.00, deve andare dal dentista a Trebbo di Reno e poi a dormire dal suo ragazzo a Ca’ di Dio (letteralmente).

L’assistente del dentista, chiamata per consulenza, consiglia di non andare in macchina ma di farsi accompagnare al ritorno; si consulta mio marito che dice di non poter andare a prenderla dal dentista (io, notoriamente, non guido).

Decisione finale: andata in autobus, ritorno in taxi almeno fino ad una delle porte di Bologna da cui verrà prelevata dal suddetto ragazzo.

Ok, studiato, pianificato, deciso, attuato.

Alle 16.31 la fanciulla in questione decide di prepararsi, comincia a muoversi tra la camera ed il bagno in maniera sempre più concitata e frenetica.

Dopo una mezz’oretta sento provenire dal bagno urla, strepiti, schiamazzi ed improperi.

Vado a sincerarmi su che cosa sia successo di tanto grave; risposta: “ho i capelli in una giornata NO, e quindi sono incazzata come una bestia, ma tu non c’entri niente”.

Pfiù…. meno male, la colpa non è mia.

Non voglio tediarvi a lungo ma vi dirò che gli strepiti, gli incazzi, le porte sbattute, i vaffan… si sono moltiplicati esponenzialmente fino a terminare in un urlo preistorico e belluino.

Mi sono prudentemente tenuta lontana e non ho profferito verbo su tutta la situazione (esperienza di madre insegna), le ho dato ragione su qualunque cosa uscisse dalla sua boccuccia di rosa.

Sono intervenuta solamente quando, nello studio dove mi ero rifugiata, ho sentito provenire dall’ingresso un grido sguaiato che intimava: “Scricci vieni qui subito a darmi una mano, altrimenti urlo e butto tutto giù dalla finestra”.

Adesso urli? adesso?, ma se son ore che non fai altro che urlare ed imprecare come uno scaricatore di porto livornese (ad onor del vero, però, dalla finestra non era ancora volato nulla).

Sono corsa là da dove proveniva l’invocazione e l’ho trovata quasi impiccata tra le tracolle delle tre borse che pendevano esauste e rassegnate dai fianchi.

Non ho detto nulla sul fatto che portarsi dietro la casa, come una qualunque lumaca di buona famiglia, per star fuori una sola notte non mi pareva la volpata della vita, soprattutto se prima devi fare una capatina dal dentista a togliere il dente del giudizio.

Dopo aver sbrogliato la matassa e averla vista rovesciare sul pavimento l’intero contenuto di tre borse di sopravvivenza per ottimizzare lo spazio e poter portarne in giro solo due è uscita di casa.

Erano le 17.58

Dopo che è uscita ho tirato un sospiro di sollievo, ho guardato dove l’erba non sarebbe mai più ricresciuta, ho raccolto da terra tutto quello che c’era rimasto e mi sono accasciata sul divano.

Ah naturalmente non le ho detto che era molto, molto carina con i capelli acconciati in quel modo, mi avrebbe incenerita con lo sguardo, le Erinni che sono in lei si sarebbero scagliate su di me con spaventosa e ferale furia.

Però era davvero carina, però….

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie ed eventuali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Giornata “capelli no”

  1. Tonino ha detto:

    Cara la mia signora Scricci,
    considerando che
    questo spazio viene seguito da esponenti, meglio virgole, del Governo,
    le ferie sono le tue e non vorresti inquinatori,
    se volessi, il dentista ora lo puoi anche reperire in città,
    di bestioline rare ,anche simili alla mia, che circolano nelle zone umide della casa senza riordinare lo stagno,
    i glutei preziosi del partner vengono tenuti a dimora calda,
    consiglierei
    di spostare il salone di bellezza a domicilio del poltrone,
    di evitare d’importunare esponenti della real casa in ferie
    di imitare la sua di madre che non abbisogna di tante cure.
    Tutto ciò comporterebbe un risparmio energetico notevole evitando la costruzione di centrali nucleari adibite all’asciugatura del capelli di queste bestiole.
    Con riguardo e rispetto.
    T.

    • silvanascricci ha detto:

      Non posso dire altro che: commento fantastico.
      Mi sono divertita moltissimo a leggerlo; vedo che di rare bestiole che non riordinano mai lo stagno ne sai a pacchi anche tu!
      Con altrettanto riguardo e rispetto.
      S.

  2. frastellina ha detto:

    ahahaahh! tipiche cose da RagazzaConLaValigia, come dico sempre anche a tua figlia!

  3. cescocesto ha detto:

    ho riso dall’inizio alla fine del post, cercando di immaginarmi le imprecazioni da scaricatore di porto di Vittoria. 😀

    comunque, da figlio, non posso fare altro che congratularmi con te: ottima strategia, quella di assecondare le mosse, fare sì con la testa e non proferire parola. nei momenti di stress, vogliamo solo essere ascoltati in silenzio. e avere una preda da sbranare, per cui hai fatto bene a non darle esche con qualche discorso che per lei sarebbe stato sicuramente “storto”.
    un 10+ per te.

    • silvanascricci ha detto:

      Visto che tu la conosci personalmente puoi ben immaginarti cosa possa essere uscito dalla sua boccuccia di pesca….
      Per quanto riguarda il tacere l’ho imparato per tentativi ed errori, servirà pure a qualcosa la saggezza dell’età? 😉

    • ucci ucci sento odor di sarcasmucci.
      cosa sono queste ILLAZIONI sulla mia proprietà di linguaggio?

      • silvanascricci ha detto:

        Tesoro non sono illazioni sono pure verità.
        Per quanto riguarda il sarcasmuccio, beh lo devi sapere che è una caratteristica di famiglia (di cui, diciamocelo, siamo molto orgogliose).

  4. però devo ammettere che è tutto corretto e anche alquanto divertente 😄

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...