Da Renzo Imbeni a Renzo Bossi


Mattina di sabato un po’ così, che non sa di nulla, con un tempo indeciso, anche lui, su cosa fare da grande.

Entro nel solito bar, solito cappuccino, solita pasta, solito tavolino, solito quotidiano locale.

Sfoglicchio distrattamente un giornale che non mi è mai piaciuto, ma nei bar locali solo quello si trova, e mi vanno di traverso, nell’ordine, il cappuccino, la pasta e la bile.

Ieri Renzo Bossi, meglio noto al mondo come il Trota, annuncia dal quartiere più rosso di Bologna, il Navile, che, se proposto, accettarà di candidarsi a sindaco di Bologna.

Questa città ne ha passate tante, i bombardamenti, i carri armati sotto le due torri, l’omicidio di Lorusso, la bomba alla stazione, siamo sopravvissuti a tutto.

Ora è una città stanca, che non sa più cosa vuole essere, con giunte che si sono andate sfiancando e sfilacciando di anno in anno fino al commissariamento, pertanto non credo che potremmo digerire anche soltanto l’idea di un candidato del genere, figuriamoci averlo come sindaco.

Ho capito che per la nostra irriducibile caparbietà ad essere dei rossi, un po’ stinti, dobbiamo essere severamente puniti, ma qui la pena mi pare sproporzionata al delitto.

Ma lo dico anche per la lega; se vuole sfondare in Emilia è un errore che non deve commettere perchè se, per malaugurata sorte, dovesse vincere il figlio del senatur dopo qualche mese lo troverebbero murato nel palazzo come il mitico re Enzo; i bolognesi andrebbero a cercare Bossi senior fin in capo al mondo per riempirlo di botte, che, nonostante tutto, siamo ancora troppo abituati ad essere amministrati da qualcuno che, almeno, sappia fare le quattro operazioni, sappia, non dico parlare con favella ornata, ma almeno parlare e sappia di esistere.

Da Renzo Imbeni a Renzo Bossi, non ce la possiamo proprio fare.

P.S. già sto pensando seriamente di andare a vivere in un’altra città, aver per sindaco il Trota sarebbe la spinta finale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

30 risposte a Da Renzo Imbeni a Renzo Bossi

  1. Poesia ha detto:

    Solo l’idea di avere il Trota come sindaco fa aggrovigliare la budella dalla nausea.

  2. Lupo Solitario ha detto:

    Ma un sindaco non dovrebbe sapere almeno leggere, scrivere e far di conto?

    (P.S. ho aggiunto solitario per differenziarmi dall’altro lupo che ha lasciato un commento prima).

  3. Ierioggidomani ha detto:

    Che amara fine per una città come Bologna, che è stata per decenni il simbolo dell’ottima amministrazione che deve avere una città.

  4. palbi ha detto:

    bah io nn so neanche + cosa dire quando sento queste cose
    Cmq se c’e’ un 50% + 1 di bolognesi che lo votano, è giusto che ve lo ciucciate…e che dal cielo comincino a cadere rane su bologna

  5. Franz ha detto:

    Da cittadino sanlazzarese potrei divertirmi a fare il tifo per l’acutissimo pesce d’acqua dolce.
    Ma il guaio che ho ancora davanti diversi anni di attività con il taxi nelle strade della città che amo, e che non vorrei veder ridotta a un trotàio.
    Scherzi a parte, penso che la candidatura del pesce lesso potrebbe essere un’operazione auspicabile, per disinnescare nei fatti l’effettivo pericolo, non so quanto remoto, di avere davvero un sindaco leghista, e togliere qualche voto comunque a candidature di destra un po’ più serie e davvero pericolose.

    Stan a vadder.
    A t’ salut, Silvèna Screcc, bona dmanga.

    • silvanascricci ha detto:

      Per fortuna che ti sei ravveduto per tempo, altrimenti da cittadina bolognese te lo facevo grande una casa.
      Scusami ma non sono d’accordo, io il trota non lo voglio nemmeno per candidato, un po’ di rspetto, suvvia, siamo una gloriosa città!
      Quali sarebbero poi ‘sti candidati seri a destra? oddio anche a sinistra…

      A t’salut, taxèsta, bona dmanga anca a te!

  6. Barabba Marlin ha detto:

    il giornale è il Resto?

  7. Tonino ha detto:

    Non fate scherzi !
    Questi scherzi non mi piacciono !
    I pesci d’acqua dolce al posto delle tigelle e/ o delle crescentine ,i bolognesi e quelli che non lo sono ,ma ci vengono spesso, non li possono digerire.
    Prendo la residenza per un mese e voto anch’io contro il trota.
    Senza maiuscola perchè non se la merita.
    Ma che rabbia ,quanta notorietà , un insulso del genere !

  8. Se non è la solita provocazione, le cose si mettono male; Bologna, la dotta Bologna, dove potrebbe arrivare un sindaco padano, capperi che gomitata!!! Si potrebbe anche scoprire di un trota grande sindaco, per me è un a possibilità su un milione contrarie, io personalemente non mi sognerei, se cittadino di Bologna, di votarlo, ma valli a capire gli elettori!!!!

  9. silvano ha detto:

    No dai, il trota!?!? l’anello mancante della catena evolutiva, sì ma tra l’ameba e il rospo.

    Mah… mala tempora currunt sed paiora parantur ma il trota no, non può andare così male.

    Eppoi Bologna ha già sbagliato con il Guazza, non può sbagliare due volte, vi prego, almeno voi resistete.

  10. Lombardia, si, Italia unita, chi se ne frega; a noi non interessa; gira e rigira, la Lega chiaramente mette in campo la sua politica separatista.
    L’Italia fatta a pezzettini, l’idea leghista salta fuori, senza veli; Diggita ne fa una prima esaltante, un tipetto di Adro, Brescia, un cittadino che dice senza problemi “siamo ad Adro non siamo in Italia, “; quindi la candidatura di Bossi a Bologna, vera o falsa, deve far riflettere.. ti aggiungo pezzo diggita

    – Questa è la frase che sentirete alla fine del video, “siamo ad Adro non in Italia”, l’espressione non è stata pronunciata dal noto Sindaco del paese ma da un cittadino qualunque. Ieri mattina nel paesino Bresciano si è tenuta una manifestazione per denunciare la più becera espressione di quel leghismo che sta dilagando nel nostro Nord Italia, ovvero i simboli della lega sparsi ovunque nel nuovo istituto scolastico di Adro.

    • silvanascricci ha detto:

      Poi continueremo dicendo Milano, Genova, Bergamo ecc… non sono in Italia e rifaremo il paese dei comuni e delle signorie, già così, uniti, non contiamo un cazzo nello schacchiere internazionale, figurati dopo…

  11. rasoiata ha detto:

    “Riempirlo di botte”
    vedi, Silvana, che non sono l’unico a voler “menare” qualcuno ogni tanto.
    Quando e’ troppo e’ troppo.

    Ciao,
    Zac

  12. alvi ha detto:

    AVANTI POPOLO
    Dopo tanto tempo sono stato in contesto COMUNISTA, accidenti una boccata d’aria pura come da tempo non respiravo solo per colpa mia!
    Se vi capita a Mestre-Venezia passata all’osteria del Gatto Rosso, cooperativa per il recupero di forte marghera.
    Il mondo va anvanti meglio di quello che crediamo fissando il nosto ombelico!
    Guardatevi l’utimo film di ligabue (che non mi piace) e pensate a come va?
    Loretta un post sul G8-polizia ?

  13. cescocesto ha detto:

    mammamia. al peggio non c’è mai fine..
    speriamo che la riserva indiana tenga, perché se crollate voi poi tocca alla toscana!

  14. Ernest ha detto:

    mi sono venuti i brividi….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...