Alonso, la Ferrari e la Padania


Alonso è spagnolo.

Massa è brasiliano.

La Ferrari è emiliana.

La Formula Uno è internazionale.

Allora perchè oggi, a Monza, c’erano un sacco di bandiere della lega a festaggiare il successo del cavallino rampante?

Ve le immaginate le bandiere della CDU nel gran premio di Germania, le bandiere dell’UMP a Magny Course?

Già da un po’ non si può più dire forza italia alle partite della nazionale, ma far diventare la gara di Monza, che non per niente si chiama Gran Premio d’Italia, una festa di marca leghista mi sembra veramente troppo.

Volgare e stupido.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica, Sport e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

57 risposte a Alonso, la Ferrari e la Padania

  1. palbi ha detto:

    yeah, pretty stupid

  2. Poesia ha detto:

    E’ scandaloso appropiarsi dello sport per le questioni politiche, lo sport è di tutti e non soltanto di una parte. Vorrei poi, sapere ad Alonso e Mazza che cazzo gliene frega della lega, la Ferrari è un patrimonio nazionale, di tutti e come tale deve restare. Basta! non se ne può più.

  3. Manifesto ha detto:

    …si e’ scandaloso …il livello di questi millantatori “padani” …e’ scandaloso.

  4. Ottobre Rosso ha detto:

    La Ferrari sportiva, l’immagine, è forse proprietà del popolo dei tifosi. La vettura, invece, e i soldi che produce sono di proprietà della FIAT, che ama licenziare i sindacalisti della FIOM, che decide di sfruttare gli operai e che delocalizza le produzioni in paesi come la Serbia, la Cina, la Polonia e l’India, oltre alla Turchia e al Brasile… ovvero tutti paesi dove il costo del lavoro è basso e i diritti sincadali inesistenti.

    • Manager ha detto:

      i sindacalisti della fiom prima che dalla fiat,sono stati licenziati dagli operai stessi. è rimasto sol o qualche “sabotatore”

      • Manifesto ha detto:

        dammi nome e cognome ..che ti denuncio per diffamazione seduta stante !!

      • Manager ha detto:

        ashahahaha,prima di me lo hanno affermato giornali e tv.aggiornati,e comincia con le denunce.

      • Manifesto ha detto:

        sono stati denunciati dalla fiom… e se mi dai il tuo nominativo …t’inseriamo subito tra quelli

        ho parentela con uno dei tre… reintegrati dal giudice …quindi facciamo “l’affare” subito subito…

      • Ottobre Rosso ha detto:

        Come al solito, i manager di area cdx si nascondono dietro l’anonimato… non farti il sangue amaro…. Manifesto sanno di valere zero, e sfottono per il bisogno di sentirsi importanti

    • Silvana ha detto:

      Sì, tutto quello che dici è vero ma non credo che i militanti leghisti siano andati lì con le bandiere del loro partito per contestare il capitalismo, Marchionne e sostenere la Fiom. Sono andati lì con quelle bandiere per ribadire che Monza è padania, che la Ferrari è padana.

      • Ottobre Rosso ha detto:

        Condivido il tuo pensiero. Ma non posso non ricordare chi è il proprietario della FIAT e le cose che fa in danno dei lavoratori italiani. Buttare fumo negli occhi con lo sport era una delle tecniche del fascismo che creava “valori” sportivi per distrarre le persone dalle loro condizioni di sudditi e schiavi.

  5. Lupo ha detto:

    La Ferrari è una delle pochissime cose di pregio e di cui vantarsi per la quale siamo famosi all’estero. Perchè insudiciarla così?

  6. Raffaele ha detto:

    Io sono un elettore di destra, ma questa cosa (che avevo notato anch’io durante la premiazione) mi ha dato davvero tanto fastidio

    • silvanascricci ha detto:

      Allora non è solo una mia idea…

    • Manager ha detto:

      ti dichiari “elettore di dx” e pubblichi notizie cosi’: [oknotizie.virgilio.it]

      • Ottobre Rosso ha detto:

        Io invece lo trovo perfettamente coerente. Un elettore di cdx che criticamente si ponga delle domande edimostra, criticando certe scelte, di avere capacità di giudizio e equità sociale. Cosa che invece evidentemente manca a chi dice sempre che il capo ha SEMPRE ragione e non si rende conto di essere strutturale ai disegni del mefitico ladruncolo.

      • Manager ha detto:

        ti lascio nel tuo labirinto di ragioni,la cui uscita ti è sconosciuta.

      • Raffaele ha detto:

        Certo, e ti dirò di più sono pure stato candidato nel centro destra.

  7. Manager ha detto:

    volevi quelle della fiom? e io personalmente trovo piu’ scandaloso strumentalizzare le proteste usando i bambini; ed indovina chi lo fa abitualmente?

    • silvanascricci ha detto:

      Avrei voluto solo le bandiere di nazioni e della Ferrari, quelle della Fiom, o altre del tipo, mi avrebbero dato lo stesso identico fastidio

      • Manager ha detto:

        gia’,ma non lo avresti scritto indignato.

      • silvanascricci ha detto:

        Indignata, please.
        Hai la prova del contrario? Perchè ti assicuro che certe cose le noto a destra come a sinistra. Ci saranno pure elettori di sinistra a Monza, ma grazie a dio, non c’erano bandiere di sinistra. Non gli è proprio venuto in mente di portarsele.

      • Manager ha detto:

        se ti fa stizzire qualche bandiera verde,aspetta le prossime elezioni,alora:preparati delle dosi massicce di calmanti.

      • silvanascricci ha detto:

        Non mi fanno stizzire le bandiere di nessun partito, basta che non siano fuori contesto.

  8. frastellina ha detto:

    ma sai ke l’ho notato anch’io?!? però bisogna capirli, poveri leghisti! non hanno nulla di cui vantarsi propriamente (Bossi? non basta! i due-tre proseliti che hanno? naaa. le idee che partoriscono in preda a non so quali deliri?! figuriamoci!)… devono arrangiarsi come possono…

  9. Madamebovary ha detto:

    Ma perchè non ci lasciano qualcosa che sia veramente di tutti? poi quei leghisti che erano lì ad ascoltarsi l’inno d’Italia si saranno almeno un po’ rosi il fegato ad ascoltare l’inno di Mameli?

    • Silvana ha detto:

      Non credo che la coerenza sia nel DNA dei padani.
      Magari avranno anche chiesto di suonare il Va Pensiero, ma gli hanno detto di no.
      Si vede che Ecclestone non è aggiornato sulle richieste leghiste.

  10. rasoiata ha detto:

    Al giro d’ITALIA succede già da anni.
    Che vuoi farci, e’ la Brianza, oramai catalogata come “Granducato”,

    Quelli che “ghe pensi mi”, quelli che “Bisogna laurar”, quelli che gli dai la bandierina e la sventolano alla domenica.
    Perlopiù ex democristiani, ma più scurrili, più beceri.
    Un giorno ne trovai uno a Londra, amico di conoscenti, scendemmo assieme in Liverpool street e il genio sbotto’:

    “Oh, ma quanti negri ci sono qui?”

    ecco.

    Ciao
    Zac

    • silvanascricci ha detto:

      Non seguendo il ciclismo non me ne ero mai accorta.
      Anche nella F1 è la prima volta che mi succede.
      Genio, sul serio, il leghista a Londra.

  11. Tonino ha detto:

    Perchè le bandiere ?
    Perchè il sindaco Alemanno ha caldeggiato fortemente il Granpremio d’Italia sulle strade della capitale.
    La proposta ha incontrato pareri benevoli dal circo dell’automobilismo ex-sportivo ed ha ,giustamente, scontentato il mondo sportivo in genere ed i brianzoli tutti.
    Gli aspetti della questione sono due : è un evento sportivo o un carrozzone circense.
    Ultimamente il mondo dell’automobilismo, in grave perdita di ascolti,cerca con tutti i mezzi possibili di ritornare a quel bel mondo sportivo di un decennio passato.
    Giusto mi sembra ,anche a me che leghista non sono, che l’economia della zona non vorrebbe perdere un giro milionario e di prestigio sportivo che gravita su Monza e dintorni in una settimana.
    Il bussiness contro lo sport.
    L’immagine del sindaco di destra contro colleghi di governo di destra.
    Italiani contro italiani.
    Quest’ultimo aspetto agita fortemente le ghiandole endocrine deputate alla pazienza.

  12. Maxxi ha detto:

    A parte il fatto che la padania non esiste e non esistono popoli padani, sarebbe il caso che sotto il palco di monza ci fosse anche qualche bandiera italiana. Magari chi va con la bandiera ferrari potrebbe portare anche un tricolore!!

  13. quarchedundepegi ha detto:

    Non ho visto il Gran Premio e neppure le bandiere leghiste. Devo però dire che, proprio ieri mattina quando ho sentito alla radio svizzera (abito in Svizzera) che probabilmente nel 2011 o 2012 ci sarà il Gran Premio di Roma e non più il Gran Premio d’Italia a Monza, ho pensato con tristezza al futuro della Formula 1 in Italia.
    Mi è sembrata assurda l’idea di togliere un Gran Premio prestigioso per portarlo a Roma.
    Perché tutto a Roma?
    Gli unici treni in Italia che funzionano bene sono quelli che vanno a Roma.
    L’aeroporto mega (in Italia) è quello di Roma.
    E così via…

    Va bene. Roma è la capitale d’Italia. A Roma ci sono i Governanti. Ma governano o si riempono le tasche e “piangono” se non viene loro regalato un appartamento?
    Premetto che non sono leghista, credo però che quelle bandiere possano dimostrare la rabbia di chi produce e si dà da fare per far crescere il benessere degli italiani e poi, si vede portar via quello che ha costruito.

    Ho letto molti commenti sul tuo bellissimo blog; ci sono molte persone arrabbiate. Non bisogna arrabbiarsi. Fa male al fegato. Si cerchi piuttosto di “costruire” anziché voler far parte della categoria dei “dritti”. E a Roma penso ce ne siano tanti.
    Quante sofferenze producono i ”dritti” agli onesti!… e sono “gratuite”.

    Certo esiste la globalizzazione… ma Roma insegna.

    • silvanascricci ha detto:

      Dopo che hanno tolto il gran premio di San Marino a Imola (e si sa che l’Emilia Romagna è terra di “motori”) non mi stupisco più di nulla nel carozzone della F1.
      Ma questo non ha niente a che vedere con le bandiere leghiste, mica c’erano quelle di rifondazione o del PD quando si correva a Imola.

  14. Bibi ha detto:

    Non guardo un gran premio da quando è morto Villeneuve. Da quel momento per me non ha avuto più senso guardare la formula uno.
    Ora…sul fatto specifico e cioè le bandiere verdi padane…che vuoi che sia? Questi imbecilli non conoscono neanche la staoria del loro paese e si sono pure inventati uno straccio di stato. Però…vadano a Siena durante il Palio a sventolare le bandiere verdi e poi si che si ride….
    a.y.s. Bibi

  15. E’ che oramai la politica la si considera come uno sport, come il calcio. Ci sono tifosi non persone che pensano. E poi é vero é stato un atto per dichiarare che Monza é nella Padania…

  16. quarchedundepegi ha detto:

    Non sapevo che avessero tolto il Gran Premio di San Marino.
    A maggior ragione, dato che finisce tutto in politica, onde evitare ulteriori “furti” direi che le bandiere leghiste sono state quasi “legittime”.
    Se appunto i “padani” considerano un furto da parte di Roma il problema del Gran Premio, lo spiegamento abbondante delle bandiere fa capire che non vogliono si tocchi il Gran Premio di Monza.

    @Bibi
    Ho un’affezione particolare per Siena. Non riesco però a capire il parallelismo che ci può essere fra Siena e Monza.
    A quanto ne so il Palio è e rimane dei senesi e viene fatto per i senesi… e i turisti sono tollerati.
    Questo me lo disse un senese doc molti anni fa.
    Il Gran Premio di Monza è piuttosto internazionale…

  17. rick-ione ha detto:

    ieri sera avete visto per caso PRESA DIRETTA?
    si?
    io dopo mezzora, non ce l ho piu fatta e ho fatto partire il dvdrecorder e mi sono sparato xfactor.
    ecco questo è scandaloso.
    ci siamo infilati in un tale ginepraio che anche un programma tv di denuncia/indagine/approfondimento, fa male.
    fa tanto male.
    perchè io le tasse le pago fino all ultimo cent.
    perchè sentire senza vergogna di essere orgogliosi di aver evaso al 100% le tasse, fa male.
    fa tanto male.
    ma soprattutto sentirmi dire dai colleghi, e che palle oh, ma ti sei fissato con ste tasse, fa male.
    fa tanto male.
    sapere che se fossimo un paese come la francia, valentino rossi e tanti altri come lui, sarebbero nelle patrie galere. dopo aver versato una multa salata.
    e pensare che noi i francesi ci prendiamo pure il lusso di sfotterli.
    fa male essere cosi diversi dagli onesti.
    fa tanto male.

  18. rasoiata ha detto:

    Sii coraggioso, manager ( che già il nickname racconta un bel po’).
    Fammi sapere la tua ubicazione.
    Io non sono come Manifesto che vuole denunciarti.
    Io ti meno.

    • silvanascricci ha detto:

      Cioè passi direttamente alle vie di fatto…

    • alvi ha detto:

      ottimo.
      tu meni e st’altro denuncia.
      intanto la lega inventandosi un paese inesistente con la “maria” sulla bandiera e difendendo la cristianità contro i preti cattolici troppo buoni con l’islam (succede a treviso dove ai mussulmani vengono concesse solo le sale parrocchiali per le loro feste) VINCE LE ELEZIONI.
      Forse dovremo pensare a un piano B (nel senso di alternativo non del cavalieremasherato)
      buona secessione a tutti.

      • silvanascricci ha detto:

        Mica sono io che meno, anche se capisco la tentazione; poi sono magrolina…
        Allora non sono l’unica che ha notato che la foglia simbolo della lega è identica alla foglia della “maria”!
        Naturalmente buona secessione ad un triveneto da una fuori della padania.

  19. Quarchedundepegi ha detto:

    @Rick-ione
    Mi associo a quanto hai detto. Anch’io ieri sera ho visto in parte PRESA DIRETTA. Dopo un po’, nauseato, ho cambiato canale.
    Ora sono dispiaciuto e triste nel constatare che si possono anche fare le minacce attraverso il blog.
    Arrabbiarsi fa male al fegato; passare alle vie di fatto non aiuta la nostra benamata Patria a riprendersi.

  20. quarchedundepegi ha detto:

    @rick-ione
    Ho visto anc’io PRESA DIRETTA; dopo un po’ mi sono trovato talmente nauseato che ho dovuto cambiare canale.

    Forse se vogliamo migliorare l’Italia non conviene “menare” come farebbe volentieri “rasoiata”.
    L’Italia è cosÌ fantastica. Perché distruggerla!

  21. rasoiata ha detto:

    Ecco.
    Le mie scuse a Alvi per la sopracitata violenza.
    Resta il fatto che con certa gente non riesco proprio a dialogare.

    Vedete, abiti a 6 km da Arzignano, Ghiotto lo conosco da una vita.
    Vi garantisco che solo a parlarci assieme ti vien voglia di strozzarlo.
    Avevamo dei rapporti legati a prestiti di calciatori di calcio a 5, rompeva le palle per 500 euro!!
    E tutti sapevamo che ne spendeva 7000(settemila) al giorno.
    Amava dire “per le necessita quotidiane”.

    Ora, caro/a Alvi, non t’e venuto un po’ di prurito alle mani?

    Ciao
    Zacforever

  22. alvi ha detto:

    per silvana: lo so che non meni il riferimento era per quella sagoma di Zac.
    Per la padania non preoccuparti, siccome non esiste i confini sono del tutto discrezionali e da tempo i leghisti ci ricomprendono l’emilia romagna e si possono allargare ancora.
    I requisiti sono solo che comadino loro e che ci siano schei.
    love devotion and surrender

  23. Ernest ha detto:

    Non cè scampo, spuntano anche nello sport!
    un saluto

  24. Pingback: ARTICOLETTO 20 « Quarchedundepegi's Blog

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...