Non ancor contenti…


Il tubino nero è sempre di moda e non può mancare in nessun armadio femminile, così anche le pestilenze e le pandemie (variamente zoologiche) non tramontano mai e sono sempre presenti nelle menti degli scienziati, virologi, biologi catastrofisti.

Nonostante l’influenza H1N1, altrimenti detta suina o maiala, si sia rivelata una bufala mondiale che ci è costata centinai di milioni di euro in vaccini, nonostante l’OMS (con notevole ritardo e con grandiosi conflitti di interessi di alcuni suoi rappresentanti) l’abbia tolta dalle emergenze sanitarie, sono tornati alla carica.

Si sta già dicendo in giro, che quest’anno l’influenza (ben tre ceppi allo stesso prezzo di una) anticiperà i tempi arrivando tra la fine di settembre ed i primi di ottobre, anche se raggiungerà il picco di malati, rispettando la tradizione e le buone maniere, sotto Natale.

Ma c’è chi come Pregliasco, rimanendo in linea con gli allarmismi degli ultimi anni, non è affatto ottimista trovando forti analogie tra la suina del 2010 e la spagnola del 1918.

Quindi il ministero della salute sempre pronto ed attento ha anticipato la campagna vaccinazioni ad ottobre; quanto spenderemo quest’anno in vaccini farlocchi e poco sperimentati? e quanto ci costerà la cinica abitudine a notiziole di catastrofi se e quando una vera pandemia arriverà?

La questione non è messa a budget, ma si accettano scommesse.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Salute e sanità e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Non ancor contenti…

  1. Ernest ha detto:

    Ma un vacino contro questa gente mai?!?
    un saluto

  2. lorettadalola ha detto:

    PPPPSSSS… Scusa le mie future parole non riguardano il post ma non sono riuscita a trattenermi…lo dico a bassa voce…così i non interessati non verranno disturbati : mi piace il tuo nuovo look grafico più adatto a te e al tuo sguardo sul mondo – l’uso del bianco e nero trasmette un buon impatto visivo ed emotivo che ben rispecchia il tuo essere donna!

    E va bhè se devo commentare allora: etciù e vada come vada, mai fatto vaccini sono per il gusto imprevedibile della fatalità quindi non incremento le industrie farmaceutiche ne tantomeno le previsioni politiche del ministero che della mia salute non gliene può fregà….

    • silvanascricci ha detto:

      Continuando a sussurrare nell’orecchio per non disturbare gli altri…Grazie!

      Per quanto riguarda la tua antipatia ai vaccini la condivido in pieno forse perchè nell’ambiente ospedaliero ci vivo e ci bazzico da tantissimi anni; e ti dirò nella precedente campagna vaccinale, in ospedale, il vaccino lo avevano fatto in pochissimi e, paradossalmente o no…, proprio tra il personale medico.

  3. meglio il vaccino del nonno; quale, pane, spicchio d’aglio, vino nero e una volta o due volte a settimana, tanta carne;
    e ogni mattina, uovo sbattuto, caffè, cacaco; bevetene solo mezzo, il resto buttatelo nel lavandino. Da cosa prendo queste notizie, dai miei ricordi d’infanzia nel Cilento con il nonno, una roccia, morto quasi centenario, ricordo che aveva grande spienza di erbe, infusi, nuivole, vento, come camminare in un bosco senza perdersi.

    • silvanascricci ha detto:

      Beh, io non sono solo e sempre per il naturale, anche la cicuta lo è, naturale…
      Però non mi pare il caso neppure di ricorrere a medicine, farmaci, antibiotici ecc… ogni piè sospinto; se tuo nonno è morto centenario e in buona forma aveva anche degli ottimi geni.
      Dulbecco, mi pare, una volta disse che per avere una longevità in buona salute la cosa necessaria è scegliere bene i genitori.

  4. Tonino ha detto:

    Si ,è così, è verissimo.
    Noi che lavoriamo in ospedale i vaccini non li abbiamo sfiorati.
    Saremmo incoscienti oppure ben informati.
    Il tam tam delle multinazionali è già udibile ed è incessante ,proviene da 360 gradi, senza limiti, senza opposizione.
    Da lunedì ,tutto ricomincia lunedì con l’apertura delle scuole, quelle rimaste, con i pochi vacanzieri che si godono il bellissimo e tiepido sole settembrino,con il treno dei pendolari strapieno di tosse, starnuti, vapore,odori, sonno.
    Le notizie saranno :la scuola, l’influenza e la pubblicità con le lucine di natale.
    Ciao a tutti .

    • silvanascricci ha detto:

      Infatti, anche perchè il vaccino della maiala non era stato testato abbastanza.
      Diciamo che noi, che si lavora nell’ambiente, siamo anche un poco incoscienti, ma sicuramente siamo anche più informati.
      Ciao

  5. antonio ha detto:

    Questa corsa al vaccino mi fa venire in mente una favoletta che tutti conosciamo ” …. al lupoooo! . al lupoooo!….”
    Quando poi l’influenza c’è veramente molti di noi ci trova impreparati.
    Buona giornata a tutti.

    • silvanascricci ha detto:

      Infatti.
      E’ più pericoloso questo berciare di allarmismi che l’influenza in sè, anche per le possibili conseguenze che sottolinei.

  6. cescocesto ha detto:

    ma no silvana, non l’hai saputo??
    quest’anno c’è l’equina! che si incrocierà con l’aviaria acquisendo così una maggior infettività.. poi ci sarà l’inevitabilissima fusione con la maiala e tutti quelli che si saranno vaccinati per l’aviarina (aviaria+equina) dovranno fare un nuovo vaccino perché il primo sarà inefficace.
    informati, informati! (prova a guardare voyager mercoledì, che magari ne parlano).

    ps. anche a me piace il niù lùk.

    • silvanascricci ha detto:

      Ma se l’aviarina si fonde con la maiala, come diavolo si chiamerà?
      Quasi, quasi lancio un sondaggio per trovare un nome adatto e confacente.
      Intanto non mi perderò la puntata di Voyager, che se non parleranno di quello avrò comunque modo di imparare qualcosa di fantasmagorico e pirotecnico.

      P.S. gracias per l’apprezzamento.

  7. rick-ione ha detto:

    l’altro giorno due miei colleghi parlavano di sta notizia, l’anticipo dei vaccini.
    siccome ero indaffarato in altre faccende, seguivo i loro discorsi, percependo una parola si e due no.
    stupidamente, io, credevo che stessero facendo ironia, nel senso che, oramai non sanno piu come smollare sti vaccini, che il ministero anticipa per decreto l’arrivo dell’influenza…

  8. rick-ione ha detto:

    riciclarli a noi no, altrimenti come potrebbero spendere ulteriori soldi in quei veleni?
    ma reciclarli scaduti ai paesi poveri, ci puoi scommettere!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...