Non ci sono maiali a Ground Zero


Erano il simbolo della forza e della potenza americana.

Sono stati colpite distrutte, con una forte intenzione politica e religiosa.

Ora saranno la terra in cui verrà costruita una moschea, un tempio a quello stesso dio nel nome del quale sono state distrutte, eppure Barak Obama non si è opposto a questo progetto nel paese più cristiano del mondo.

E non può farlo perchè la costituzione americana non lo permette e perchè non lo vuole.

La risposta di Obama è stata straordinaria poichè non ha detto, e poteva farlo, che nelle Torri lavoravano e sono morti molti islamici insieme a cattolici, ebrei ed indu, ha, invece, detto una cosa fortemente civica e assolutamente straordinaria: “questa è l’America come è stata pensata dai suoi padri fondatori, questa è la sua costituzione, questo è il suo presidente”.

Obama ha compiuto un gesto da politico che non si preoccupa se la sua decisione gli farà perdere dei voti nelle elezioni di medio termine, in novembre, ha compiuto un gesto di rispetto della costituzione e del suo paese senza pensare alla sua convenienza di medio termine.

Avrà, forse, pensato al libro di John Kennedy “Profili nel coraggio”, elogio dei pochi grandi leader della storia capaci di decisioni non volute dai cittadini.

E non è solo in questa decisione, altrettanto ha detto il sindaco, repubblicano, di New York.

I parenti delle vittime di Ground Zero hanno discusso, sono stati dissenzienti ma non hanno protestato; la destra estrema della Pallin ha veemente espresso il suo disaccordo, ha criticato il presidente ma nessuno ha portato i maiali nella zona dove dovrà sorgere la moschea.

Vuole Calderoli colmare l’evidente lacuna?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Non ci sono maiali a Ground Zero

  1. cescocesto ha detto:

    decisione impensabile per l’italia, ma forte anche per l’america. chissà come andranno per il povero obama le elezioni midterm, sicuro è che ha fatto delle scelte molti forti in questi (quasi) due anni di mandato. speriamo che gli americani lo ripaghino evitando di gettarsi tra le braccia della pazza dell’alaska.

    • silvanascricci ha detto:

      Cesco, in fondo ha fatto qualcosa di ciò che aveva promesso, in primis la riforma del sistema sanitario; aveva poi anche indicato come l’islam e i paesi islamici non fossero il male assoluto del mondo.
      Gli americani sapevano quali era il suo programma elettorale e lo hanno votato, altrimenti avrebbero scelto la Pallin.

    • cescocesto ha detto:

      no, dico.. ti immagini che scene un G8 con berlusconi e la pallin? da mani nei capelli.

      • silvanascricci ha detto:

        Beh, caro Cesco se gli americani hanno votato per lui e non per la Pallin una buona ragione devono pur averla avuta!

  2. rasoiata ha detto:

    Io stravedo per Barack, forse anche troppo, quindi sono molto di parte.
    Non avevo dubbi sulla discussione politica accesa ma civile a riguardo della moschea a ground zero.
    Lo sapevi che gli Usa sono anche lo stato con più islamici al mondo, numericamente?

    Un post bellissimo, rovinato solo da quel cognome posto in fondo.
    Splendida la battuta, meno il protagonista della medesima.

    Io quando lo vedo, soprattutto quando ha le ganasce rosse, stringo sempre le natiche, dev’essere un riflesso condizionato.

    Ciao,
    Zac

    • silvanascricci ha detto:

      Lo so Zac, capisco.
      Anche a me viene l’orticaria e la nausea quando lo vedo, ma l’averlo messo lì, proprio in fondo al post, voleve significare e sottolineare l’assoluta ed abissale differenza tra Barak e molti dei nostri governanti.

  3. Una decisione da leader e vero uomo politico. Non facile, e molto coraggiosa. Già, noi invece qui, purtroppo, oltre a chi porta i maiali in piazza, abbiamo anche tanti maiali in Parlamento….

    Ciao 🙂
    Daniele

  4. Bibi ha detto:

    “..Vuole Calderoli colmare l’evidente lacuna?”
    Scusa…nel senso che Calderoli andrà personalmente a Ground Zero???
    a.y.s. Bibi

  5. Presidente forte; politicamente i numeri non tornano, ma se la costituzione lo permette perchè no!!! nelle elezioni di medio t, stando ai sondaggi, sballati? ci sarà un crollo di Obama

    • silvanascricci ha detto:

      E’ probabile che nelle elezioni di medio termine ci possa essere un crollo elettorale (non conosco la validità dei sondaggi americani ma mi fido), ma mi è piaciuto il fatto che abbia preso una decisione giusta e che la costituzione gli impone senza tenere conto di tornaconti elettorali.

  6. Antonio ha detto:

    I nostri “politici”(si fa per dire), dovrebbero cercare di prendere esempio da un uomo dalla stutura morale e politica del Presidente Barack Obama. Ma qui siamo in un altro mondo dove spirano venti di intrallazzi, tornaconti personali, scandali,mafie, affarismi e corna di ogni genere.
    Pertanto nessuno rinuncia al suo benessere per fare giustizia e per il benessere del popolo.(Che avrebbe tutto il diritto di ribellarsi a tante angherie per finire di essere trattato da suddito e diventare CITTADINO a pieno titolo!).Viva la NUOVA RESISTENZA! Ciao. Antonio.

    • silvanascricci ha detto:

      No guarda noi un Barack non lo esprimiamo di sicuro, stai pur tranquillo.
      Si può contestare la politica di Obama, non essere d’accordo con le scelte economiche, sociali ma non si può dire che strapazzi la sua costituzione per calcoli politici a breve termine.
      Ciao

  7. Antonio ha detto:

    E ti sembra poco, cara Silvana, il fatto che con tutti i suoi difetti di uomo e di politico”NON STRAPAZZI LA SUA COSTITUZIONE PER PURI CALCOLI E TORNACONTI PERSONALI? Ciò vuol dire Onestà Politica ed intellettuale oltre che fedeltà al giuramento fatto sulla Costituzione. Qua oggi giurano sulla Costituzione e magari anche sulla Bibbie e domani si dimenticano e tradiscono ogni giuramento. Ma quel che è peggio è che si autoassolvono anche di tutti i loro misfatti! Ciao. Antonio.

  8. alvi ha detto:

    Gli amerikani votano (e eleggono) Obama che sarà anche coraggioso, ma credo faccia scelte in linea col consenso che ottiene.
    Gli italiani (noi!) votano e eleggono chi porta a spasso i maiali che sarà anche bifolco (il passeggiatore non i maiali), ma credo faccia scelte in linea col consenso che ottiene.

    • silvanascricci ha detto:

      Ci sta che qualunque uomo politico possa prendere decisioni a seconda delle convenienze elettorali del momento ma sulle scelte fondamentali e costituzionali Obama ha saputo avere un atteggiamento più lungimirante anche a scapito degli immediati interessi di bottega; in Italia, questo, almeno negli ultimi 20 anni non è mai accaduto.
      Ciao

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...