Meglio poco da tanti o tanto da pochi?


Meglio una botta e via da tanti

o parecchie volte da pochi?

Meglio che parlino spesso

o che tacciano?

Sto parlando del blog.

Maliziosi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Diario personale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Meglio poco da tanti o tanto da pochi?

  1. a parte il rompicapo, botta non botta; credo che un blog sia interessante, e lo dimostra il contatore che non sbaglia, quando si postano cose intressante, di qualsiasi genere.
    1986, Giornale di Napoli, socialisti, io ero un giovinetto che facevo il cronista di nera; un caposervizio vecchio come una mummia mi diceva, sai, se “leggi il giornale e sai una cosa in più di prima di leggerlo” non serve solo ad incartare pesce o accendere fuoco! lo ricordo sempre.

    • silvanascricci ha detto:

      In relatà era un giochino, però mi interessa sapere cosa i blogger preferiscono (a parte la scelta scontata da molti e spesso e che parlino molto).
      Bellissima la frase della vecchia “mummia”, è a questo che dovrebbe servire l’informazione.

  2. Tonino ha detto:

    Si racconta che alle donne piace l’uomo taciturno.
    Sono convinte che ascolti ciò che loro dicono.
    Come in cucina, i condimenti, pochi,sperimentati, efficaci, rendono l’animo felice.
    Passate una ottima giornata.

    • silvanascricci ha detto:

      Non sono mica tanto convinta che chi tace ti ascolta, potrebbe anche pensare ai fatti suoi.
      Se ti risponde, possibilmente stando in argomento, significa che ti sta ascoltanto.
      Ottima giornata anche a te, Tonino.
      Ciao

  3. simoff ha detto:

    ciao, sono capitata poco fa perchè cercavo l’oroscopo di pesatori da inviare ad una amica….è questo iul bello di google…cerchi una cosa e trovi spesso molto di più…
    mi sono fermata perchè incuriosita dalla tua ironia nella presentazione e dalle tue passioni…
    probabilmente tornerò a trovarti (e qui sono in tema) non so quando e quante volte perchè sono una istintiva e a parte seguire in particolare una ventina di blog… poi saltello dove ho trovato da dissetarmi…
    c’è talmente tanto in giro per curiosare..imparare, aggiornarsi, scoprire, conoscere…che è il tempo che sembra sempre poco….ma è bello pensare a ciò che si trova..più che a quello che si perde….sei d’accordo?
    quindi per tornare al sondaggio forse parecchie volte dagli stessi(si possono fare belle amicizie) pensare che molti tacciano, ma apprezzino,gioire dei saluti..una volta e via, meravigliarsi dei silenziosi affezionati… ed essere felici della condivisione!

    comunque sei tra i preferiti…^_^

    • silvanascricci ha detto:

      Anche a me è capitato di conoscere personalmente un paio di blogger che sono capitati da me ed ho scoperto delle persone interessanti, divertenti con cui ho iniziato un rapporto di amicizia, perchè non è poi tanto vero che la rete è solo virtuale ed effimera, dà occasioni per conosere persone e cose.
      Grazie della preferenza e, se vuoi quando vuoi, torna; io sono qui.

  4. lorettadalola ha detto:

    Personalmente preferisco originalità, qualità, e informazione che porta ad un sano e costruttivo confronto quindi moderazione ed equilibrio…anche perchè il troppo storpia!

    • silvanascricci ha detto:

      Diciamo che il mio era un giochino, trovare originalità e qualità è sempre ausipicabile ed è quello a cui tutti aspiriamo.
      Ma mica è semplice!
      Un abbraccio

  5. Baol ha detto:

    Tanti tanti tanti, tutti insieme, uno alla volta, lunghi, brevi, scemi, intelligenti…

    Parlo dei commenti!!!!

  6. Si è sempre saputo ma adesso Beppe grillo ci ha fatto neri come la notte…questo scrive nel suo blog di Salerno: silvana, se vuoi, puoi metterlo anche come post..

    Un magistrato briga con un politico per fregarne un altro.
    Un monsignore, benefattore (pentito) dei bambini poveri, si fa ergere una statua in vita. Un preside arrestato per un controverso collaudo di impianti per rifiuti viene rieletto a furor di docenti.
    Un sindaco prima dice che avrebbe rinunciato alla prescrizione, poi ci ripensa.
    Un rettore vede il figlio, senza pubblicazioni, assunto nel suo ateneo nel caldo agostano (2004). Intanto la camorra imperversa in tutti i settori della vita sociale, mentre politici, amministratori
    e gran parte della nuova casta dirigente usano un linguaggio da trivio per telefono.
    Le persone oneste rigorosamente all’angolo.
    E’ la Scuola Etica Salernitana, bellezza.

  7. Io ne vorrei abbastanza e li vorrei spesso. Quindi né una botta via da tanti e neanche pochissimi e spesso. E sì, i commenti sono graditi; mi piace leggerli 🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...