Apriamo la bocca ai blogger


Leggo, in un post, sul blog di Beppe Grillo di una proposta di incrocio della domanda di libera informazione con l’offerta di comunicazione fornita dai vari blogger denominata apriamo la bocca ai blogger.

Posso trovare buona l’idea in sè ma, mi pare, viziata da una debolezza di fondo.

L’utilizzo personale di computer, in Italia, è tra i più bassi d’Europa ed arriva in media nazionale intorno al 43%, con punte nel sud di 35,5%, il dato sulla connessione ad Internet è ancora più demoralizzante, 38,8% al nord e 29% al sud.

Idem per quanto riguarda la diffusione delle tecnologie informatiche se si va ad analizzare il dato per status sociale; i professionisti e gli scolarizzati (che guardano meno televisione e leggono più giornali) sono i medesimi che possiedono le conoscenze di base ed i mezzi tecnologici.

Allora, di che cosa stiamo parlando? chi avrebbe bisogno di un’informazione più vasta rispetto a quella della televisione sono proprio quelli che non hanno il computer e tanto meno hanno la connessione internet.

Preferisco che, facendo accordi con le tv locali, le notizie che circolano in rete e vengono veicolate dai blog siano trasmesse in televisione che, appunto, rimane il maggiore mezzo di informazione per la maggioranza degli italiani.

Ovvio che la cosa migliore sarebbe quella di alfabetizzare gli studenti nelle scuole, ma capisco, anche, che con questo governo e con la Mary Star come ministro della pubblica istruzione la proposta risulti illusoria e, anche, leggermente blasfema.

(fonte dei dati: la repubblica)

3 pensieri su “Apriamo la bocca ai blogger

    1. Caro Giovanni, in premessa ho scritto che la proposta mi sembrava buona in sè ma, purtroppo, non raggiungerebbe la maggioranza degli italiani che sono quelli che, forse, ne avrebbero maggior bisogno.
      Ciao e grazie della visita e del messaggio.

  1. Credo che una cosa non escluda l’altra: interessante il fatto che non solo i blogger più noti magari ma anche altri seri possano avere l’opportunità di fare inchieste e portare alla luce verità scomode e nascoste attraverso quel sistema che Grillo ha indicato. Perlatro questo, sempre se ci fosse una tv libera, non impedirebbe ai media di interessarsi al pezzo e dare voce anche nei loro spazi diversi dalla rete ai blogger che avessero realizzato inchieste degne di nota.

    Ma questa é fantascienza dal momento che oggi con quel DDL sulle intercettazioni si rischia di imbavagliare tutti: magistrati, giornalisti e soprattutto blogger.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...