Scherza con i fanti ma lascia stare i santi


E’ proprio il caso di citare il proverbio riportato nel titolo.

Se racconti balle e fesserie diventi premier o, mal che ti vada, ministro.

Se racconti verità ed ovvietà ti sbattono fuori dalla comunità civile o, ben che ti vada, dall’isola dei famosi.

Aldo Busi ha detto due cose particolarmente ovvie e risapute: che il papa è omofobo (ed aggiungerei anche buona parte del clero e degli apparati ecclesiastici) e che l’omofobo è un omosessuale represso.

Sai che novità! ma di questi tempi è sufficiente per essere messi al bando, almeno dalla RAI, per essere messi al rogo non lo so.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie ed eventuali e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Scherza con i fanti ma lascia stare i santi

  1. speradisole ha detto:

    Sono d’accordo con te. Se si chiudono trasmissioni di informazione politica per paura di danneggiare qualcuno, immagina se non si tacitano immediatamente persone che parlano male del papa.
    Una civiltà dalle fondamenta cristiane così radicate da brandire i cricefissi come arma, figurati se gli tocchi il papa.
    Ciao carissima, un abbraccio.

  2. Ernest ha detto:

    questo è il paese dove puoi fare ciò che vuoi ma se nomini papa e silvio…

    saluti

  3. Bibi ha detto:

    Guarda che secondo me…il Papa è una scusa..quello che ha dato fastidio è stato il commento sul M.P.d.C.d.M. e la sua politica fiscale.
    a.y.s. Bibi

  4. Antonio Murabito ha detto:

    “Criminale non è colui che commette un crimine, ma chi lo denuncia”

    Dovrebbe essere questa considerazione di Busi ad aver fatto traboccare il vaso della sopportazione dei censori televisivi.
    In TV si può tranquillamente dire “giudici assassini” ed incrementare in modo esponenziale la proprie presenze televisive, ma non si possono esprimere critiche incisive al potere economico.
    Libertà di pensiero e di linguaggio limitata e oscurata solo se si insidiano centri di potere totalitario, e libertà illimitata per chi contrasta chi si batte per limitare lo strapotere di questi centri di potere.

    • silvanascricci ha detto:

      E’ l’assurdità di questo paese, i condannati sono coloro che denunciano e perseguono un reato.
      Chi lo commette, spesso, è considerato innocente e perseguitato; soprattutto se a commetterlo sono potenti o se il crimine assomiglia ad uno tei tanti che tutti i giorni commettiamo.
      Ciao e grazie del commento
      Silvana

  5. Pingback: Notizie dai blog su Scherza coi Santi, ma lascia stare i fanti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...