Non serve mai


La bustina di zucchero

Farò anch’io il mio tributo al giorno della memoria.

Ma svuotata e con amarezza.

Non serve a nulla, diventa un giorno come un’altro di cui si parla ma che non si sente più nel cuore, nella testa e nella pancia.

Come il l’8 marzo, come il 1 maggio, come il 25 aprile.

*****

Un uomo che coltiva il suo giardino come voleva Voltaire.

Chi è contento che sulla terra esista la musica.

Chi scopre con piacere un’etimologia.

Due impiegati che in un caffè del Sud giocano in silenzio agli scacchi.

Il ceramista che intuisce un colore e una forma.

Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace.

Un uomo e una donna che leggono le terzine finali di un certo canto.

Chi accarezza un animale addormentato.

Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.

Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.

Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.

Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo.

(Louis Borges: I giusti)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Non serve mai

  1. bianconerio ha detto:

    Per alcuni aspetti hai ragione, c’è il rischio che diventi un giorno che serve a poco perchè non più collegato a ciò che voleva rappresentare.
    Proprio come la festa della liberazione a cui la giornata della memoria è strettamente correlato-

  2. Antonio ha detto:

    e basta con ‘sto politically correct. Ci sono barzellette su italiani, tedeschi, rumeni, zingari…

  3. Ernest ha detto:

    io sono convinto che le date e le ricorrenze siano giuste e debbano rimanere, ma non possono essere isolate, devono essere ricordate non solo in quel dato momento altrimenti verrano sopraffatte dall’ipocrisia
    un saluto

  4. Franz ha detto:

    C’è bisogno più che mai di quei ‘giusti’ silenziosi evocati da Borges: ne è una riprova proprio quella bustina di zucchero, la cui ‘geniale’ battuta, banalizzante e moralmente volgare, non può fare sorridere.
    Non sarei però così sicuro che al giorno d’oggi quei giusti bastino davvero per ‘salvare il mondo’…

    Un caro saluto e un abbraccio.
    Franz

  5. cescocesto ha detto:

    cara silvana, io mi sono astenuto quest’anno. avevo paura mi uscissero troppe ovvietà, così mi sono immerso nella lettura di articoli storici e in fotografie d’epoca.
    purtroppo, e non c’è bisogno di dirlo, il razzismo è ancora in mezzo a noi. oggi più che mai probabilmente.
    e giorni del genere dovrebbero servire non tanto a ricordare gli orrori del passato ma a far riflettere per non commettere più azioni simili.

  6. frastellina ha detto:

    Proprio ieri stavo guardando un libro di fotografie sugli ebrei nei campi di concentramento…
    …mi chiedo ancora come certa gente abbia il coraggio di fare battute, di NEGARE l’olocausto…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...