La pensione integrativa


Quasi quasi rimetto in sesto la mia pensione, la proteggo dalla crisi e la rivaluto rispetto all’inflazione.

Così deve aver pensato Bruno Vespa quando, andando da mamma RAI, ha dovuto farsi rinnovare un contrattino da precario pagato a singola puntata.

L’importo del rinnovo del contrattino da precario pagato a puntata era di 6.000.000 di euri in tre anni, tale contratto era già stato negoziato con il direttore generale Mauro Masi.

Ma ogni tanto qualche inghippo c’è anche per il prode vespone.

Infatti nel consiglio di amministrazione qualcosa va storto in quanto manca Giovanna Bianchi Clerici della lega nord e Masi si accorge che potrebbe rischiare di pareggiare o addirittura di andare sotto in votazione.

Quindi per preparare una controffensiva si propone il rinvio per maggiori approfondimenti, la pratica si chiude in qualche minuto e incredibile a dirsi il CDA della RAI respinge il contratto di vespa.

Cosa inaudita e mai successa prima che il priiiimo giornalista italiano si faccia sbattere la porta in faccia dalla sua azienda e dal suo azionista di riferimento.

E così il prode prende la parola e, codice e codicilli alla mano, enuncia: “il nuovo contratto andrà in vigore l’anno prossimo e l’inflazione del decennio (?), a me la calcolano e barando su base annuale, è intorno al 22%”.

Però per non sbagliare il vespa aveva contrattato un aumento del 40%, il minimo garantito doveva essere di 1.700.000 euri più il 30% pari a 30.000 per ogni prima serata e 12.000 per ogni extra.

Capirete che rischiare di perdere un simile contratto farebbe incazzare anche il più pacato e meno venale degli uomini, quindi il vespa da signore qual’è va ai confronti.

E con chi? ma naturalmente con Biagi, Lerner, Fazio e Bignardi.

Quello che colpisce profondamente è la classe, che non è mai acqua, con cui si confronta con Biagi, che tanto è morto e quindi non può dire e rettificare alcunchè, infatti gli ultimi emolumenti di Biagi ammontavano a 250.000 (che non son bruscolini ma gli fanno un baffo a 6 milioni di euri).

Ma non preoccupiamoci e non perdiamo il sonno per questo ennesimo precario che tanto a lui, cacchio cacchio, tra qualche settimana il contrattino di rinnovo lo firmano.

 

(Fonte dei dati: Il Fatto Quotidiano)

3 pensieri su “La pensione integrativa

  1. Sei milioni di randellate (in euro !) gli darei, come nella migliore tradizione dei burattini.
    A volte l’evoluzione politica apre pagine insperate, vaghi sogni, come quello di vedere un giorno umiliati personaggi arroganti e viscidi come l’insetto in oggetto.
    Ma non perdiamo il sonno, come dici tu, e continuiamo pure solo a sognare: per ora il fastidioso ronzio non ci verrà tolto.

    Ciao.
    Franz

  2. E’ fondamentale che Vespa resti in RAI altrimenti potrebbe finire sotto le grinfie di Mediaset ed allora addio alla libertà di stampa ed alla pluralità dell’informazione.
    Dove pensi che possa trovare la RAI un altro giornalista così decisamente bravo e superpartes? Mai schierato e prono ai voleri del palazzo, anzi..spesso aggressivo e sprezzante nei confronti dei potenti.
    No, guarda, speriamo che resti altrimenti finisce che a “Porta a Porta” ci mettono quel lecchino di Travaglio.
    a.y.s. Bibi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...