Iran: quella folla silenziosa che trasformerà il paese


Riporto il testo di un blogger iraniano tra i più famosi, tratto dalla Repubblica di oggi, filtrato attraverso le maglie della censura.

“Sono andato a piazza Vanak. La folla s’addensava, fino a diventare un immenso ingorgo umano, altri comtinuavano a fluire da via Vali-Asr, che collega i quartieri più a nord di Teheran con quelli più a sud.

Vali-Asr era gremita di dimostratori: marciavano dal nord e dal sud. Mai visto un raduno tanto civile. I poliziotti sorvegliano attorno alla piazza. Quà e là, gruppetti di persone conversavano con loro.

Due  giovani leve della polizia erano lì in piedi a guardare.

Un’anziana li ha interpellati: – Sareste pronti ad arrestarmi? – uno dei due le ha risposto: – No! certo che no, non avremmo mai il cuore, non vedi che noi e voi siamo gli stessi? – Il soldato avrà avuto vent’anni.

Molti iraniani che ascoltano, sono concordi: sabato 13 giugno è iniziata una nuova era. Ho visto tre ragazzine adolescenti, snelle e piccoline, forse troppo giovani per trovarsi lì; facevano anche loro il segno della vittoria al passaggio dei dimostranti.

Malaraux avrebbe certo scritto un lungo testo su tutto questo. Eppure io ero muto, senza parole.

Davanti a me, ieri, passavano uomini e donne immortali”.

*******

A mio parere quando un regime comincia a chiudere gli spazi liberi di comunicazione, perchè non riesce e a controllarli, è un regime con l’acqua alla gola; potrà anche vincere molte battaglie, ma ha già perso la guerra di plasmare le menti e le coscienze da cui nascono le vere rivoluzioni.

Non possiamo fingere che la cosa non ci interessi, l’Iran non è lontano e la fine di questa rivolta, in un senso o nell’altro, ci riguarderà da vicino; molto presto e per molto tempo.

2 pensieri su “Iran: quella folla silenziosa che trasformerà il paese

  1. Ne ho visto alcuni frammenti su Blob, una marea umana che lentamente si riversava nelle strade. Molto bello questo pezzo, peccato che per ovvi motivi sia così difficile leggere questi blog…

  2. a proposito di chiusura degli spazi liberi di comunicazione..
    hai letto della proposta di legge della carlucci, parlamentare da tre legislature e membro della commissione cultura scienza e istruzione? vorrebbe rendere obbligatorio che ogni blog e spazio su internet siano attribuibili a persone fisiche, con possibilità di identificazione certa. aprendo la strada alla censura online.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...